“Speaking in Tongues”, il capolavoro di Andrew Bovell, sino al 14 marzo al Teatro Libero di Milano

“Speaking in Tongues”, il capolavoro di Andrew Bovell, sino al 14 marzo al Teatro Libero di Milano

Mar 11, 2014

Speaking in Tongues“. Vorrei dire un capolavoro e non aggiungere altro.

 

Un capolavoro certo il testo, dell’australiano Andrew Bovell (da cui è stato tratto anche un film, Lantana), ottima la messa in scena, precisi gli attori, molto espressivi nella mimica del viso e nelle posizioni del corpo, meno – ma per forza, dato che questo testo è come una melodia polifonica che richiede tempismo e intonazioni perfette – le voci.

La trama: in scena due coppie. Si trata di Leon e Jane e di Pete con Sonja. Sono in una squallida stanza d’albergo, separati ma in contemporanea, a rispecchiarsi gli uni negli altri, a parlare in coppia o a completarsi le frasi l’un l’altro, uomini e uomini, donne e donne, o Pete con  Jane e Leon con Sonja. Una coppia consumerà, l’altra (quella in cui l’uomo è più debole), no. Ovvimente Sonja è la moglie di Leon e Jane di Pete. I due fedifraghi sono scoperti dai rispettivi coniugi, che se ne vanno di casa.

Quindi Pete conosce Leon (che, capendo chi è, gli mente sulla sua identità) e Jane incontra Sonja (che la scopre). Anche in queste due scene gli specchi e i rimandi tra le due donne, i due uomini e i componenti delle due coppie sono continui. I personaggi si tratteggiano con poco, e restano coerenti a loro stessi senza diventare macchiette.

Quindi ci sono quasi due monologhi: Leon racconta a Sonja – che lo ha ripreso con sè – la storia dell’uomo con cui si è scontrato, e che forse si è ucciso per amore; Jane racconta a Pete – che ha deciso di fare un figlio – di sospettare che il vicino di casa sia responsabile della morte di una psicologa scomparsa sere prima.

Nel secondo atto, gli stessi interpreti (l’opera prevede quattro attori per nove ruoli) ricoprono i ruoli delle persone di cui le due coppie hanno parlato nel primo atto: Mark, il vicino assassino, Neal, il suicida, Sarah, la donna per cui si toglie la vita, Valerie, la donna morta (assassinata da Mark?) e suo marito John, che rientra perfettamente nel gruppo, in una sorta di colpo di scena. Così come Valerie, che si scoprirà essere la donna che ha urlato a Pete nel primo atto, mentre Leon sta indagando sull’omicidio.

Concluso il doveroso riassunto della trama, è chiaro come siano continui i rimadi a specchio e come la riflessione non sia solo il tradimento e il ruolo dell’identità, mascherati sotto un thriller. Il tema è la solitudine, la manipolazione, la fiducia (che nel matrimonio c’è o non c’è) il come i componenti di una coppia si influenzino l’un l’altro, facendo diventare ciascuno l’immagine che ne hanno. Il tutto viene descritto con grande umanità.

Il recitare ciascuno due personaggi (nel caso di Nicola Caruso, tre) mette in evidenza le capacità istrioniche e camaleontiche degli attori in scena: Giacomo Rabbi è Leon, il poloziotto macho, ma anche Mark, l’uomo distrutto dalle delusioni; Margherita Remotti (ma quanto assomiglia a Sandra Bullock?) è l’assertiva Sonja e Sarah, una donna davvero inquietante e con il cuore di ghiaccio. Infine, Laura Anzani è la fragile, passiva Jane e l’isterica Valerie (Caruso è ovviamente il passivo Pete, l’ossessivo Neal e lo sfuggente John). Dal primo al secondo atto, sembrano davvero essere altri attori, talmente risultano convincenti nei loro nuovi panni. Il tutto mentre il puzzle si completa, in una armoniosissima polifonia, mentre le discussioni tra estranei (Sonja e Jane, Pete e Leon, John e Leon) rivelano tutta la profondità dei caratteri.

Chi scrive, al Teatro Libero (lo spettacolo è in scena sino al 14 marzo) di Milano si è emozionata ed è stata rapita dalla storia. Dalla precisione con cui i quattro nella prima scena parlano tutti assieme o a coppie o si alternano risultando chiari, coincisi, coordinati, impeccabili. Come le coppie abbiano una loro coerenza e un’identità. Come nel secondo atto quattro personaggi monologhino contemporaneramente in scena, anche in questo caso con chiarezza e pulizia.

Catturata dalle espressioni, fuggevoli e intense, che attraversano i volti, in particolare quello di Anzani e gli occhi lucidi di Remotti (sì, le due attrici sono più brave, seppur di non troppo, dei colleghi). Dalla precisione attoriale e dall’intelligenza del testo, e non può far altro che caldamente raccomandare la visione dello spettacolo, sino al 14 marzo.

 

Written by Silvia Tozzi

 

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Speaking in Tongues, il capolavoro di Andrew Bovell, sino al 14 marzo al Teatro Libero di Milano - oubliettemagazine - Webpedia - [...] “ Speaking in Tongues “. Vorrei dire un capolavoro e non aggiungere altro.   Un capolavoro certo il testo,…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: