“Doctor Sleep”: l’attesissimo proseguo di Shining è finalmente in Italia, Stephen King non delude

“Era una notte serena di luna piena. Niente vento, niente neve. L’Overlook era sparito. Anche se non fosse stato raso al suolo da un incendio durante la presidenza del Coltivatore di Noccioline, l’albergo si sarebbe trovato a migliaia di chilometri da lì. E allora, perché si sentiva così spaventato? Non era solo, ecco perché. C’era qualcuno alle sue spalle.”

Nel 1977 veniva pubblicato “Shining, uno dei primi romanzi horror del grande Stephen King e chissà in quanti dopo averlo letto si saranno chiesti che fine avessero fatto Dan e la madre. L’Overlook Hotel non si scorda facilmente e lo stesso è stato per Stephen King che oltre trenta anni dopo ha sentito l’esigenza di tornare da Dan per aiutarlo a sconfiggere i suoi demoni.

Doctor Sleep” (Sperling & Kupfer, 2013) ritrova un Danny Torrance ormai cresciuto ma ancora tormentato dalla sua luccicanza, il potere che aveva scoperto di avere da bambino durante l’avventura vissuta con i genitori nell’Overlook Hotel.

La madre, Wendy, profondamente scossa dal passato, mentalmente e fisicamente, vorrebbe aiutare il figlio e non le resta che contattare il vecchio amico, fautore in gran parte della loro salvezza, Dick Hallorann. Dal loro incontro Danny acquisisce nuove consapevolezze ma i fantasmi dell’Hotel sono difficili da scacciare.

Così gli anni scorrono, Wendy muore e Denny si ritrova solo al mondo. O almeno così crede. Così come crede di aver già visto fin troppi orrori nella vita ma il peggio deve ancora arrivare.

Un Denny ormai adulto e quindi nuovo per il lettore che porta però sulle spalle la terribile eredità del padre ma che trova anche un nuovo modo per adoperare il suo dono.

Milioni di lettori hanno atteso di poter leggere questo secondo capitolo del romanzo di successo “Shining” e in ben pochi sono rimasti o rimarranno delusi.

Doctor Sleep” è uno dei migliori horror scritti da Stephen King, coinvolgente fin dalla prima pagina, neppure per un attimo è possibile distogliere lo sguardo dalle pagine del romanzo o pensare solamente di non arrivare alla fine. È coinvolgente, trascinante e come in ogni buon libro di King le immagini sono così vivide da ricreare un vero e proprio film nella nostra mente, pur consci che nessun film potrebbe mai eguagliare ciò che accade e viene descritto nel romanzo.

Vita e morte s’incrociano ininterrottamente e nuovi personaggi come la piccola Abra, dotata anch’essa del dono della luccicanza, e la misteriosa Rose, rendono la storia intrigante, magica e soprattutto carica di orrore.

Ed anche stavolta Stephen King mostra, come in pochi sono capaci, in che modo la realtà talvolta possa essere più crudele e terrificante di qualsiasi fantasma o incubo.

 

Written by Rebecca Mais

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: