“Multiversum”, romanzo di Leonardo Patrignani: ricco di immagini suggestive e di eventi mozzafiato

Leonardo Patrignani proviene da un passato all’insegna del lavoro creativo, passa infatti da un’esperienza di discreto successo di musicista metal a un’esperienza di doppiatore per videogiochi per arrivare, infine, a scrivere per la Mondadori, Multiversum, il suo primo romanzo pubblicato da una grossa casa editrice.

Tutta la storia si basa su un principio fisico da poco introdotto nella scienza moderna secondo il quale non esiste un solo universo ma ne esiste un numero infinito. I protagonisti della storia sono due giovani, che per una ragione sconosciuta riescono a comunicare nonostante siano divisi da migliaia di chilometri di distanza.

Ciò che maggiormente caratterizza lo stile di scrittura di Patrignani è una semplicità che accompagnata da descrizioni molto efficaci degli ambienti e degli stati emotivi dei personaggi rende molto piacevole la lettura.

Multiversum non è solo un viaggio molto appassionante all’interno di una realtà in cui esistono contemporaneamente e sono potenzialmente accessibili infiniti universi ma è anche un resoconto della vita emotiva e dei pensieri di due giovani ragazzi che cercano di essere felici.

La presenza di un terzo personaggio, un amico di Alex con spiccate doti intellettuali che fornisce in più punti del libro spiegazioni scientifiche di eventi apparentemente inspiegabili fa si che il libro possa essere apprezzato anche da un pubblico che non appartiene necessariamente al genere fantasy, per esempio gli appassionati di fantascienza.

È sicuramente un must per gli appassionati del genere fantasy che dovrebbero farsi trasportare dalla semplicità della scrittura di questo romanzo così ricco di immagini suggestive e di eventi mozzafiato.

Si perchè quello che non manca all’autore è la capacità di stupire il lettore con dei colpi di scena che ribaltano complemamente ogni convinzione acquisita durante la lettura.

In ogni genere esistono degli elementi letterari molto utilizzati, come la telepatia nel genere fantasy, che sta alla bravura di chi scrive saperli gestire in maniera creativa e innovativa in modo da non essere banali. Sono convinto che Leonardo Patrignani sia riuscito perfettamente in questo, ha utilizzato degli elementi classici del fantasy, li ha shakerati con una buona dose di romanticismo e un po’ di fantascienza fino a creare qualcosa di unico.

Nel complesso quindi questo romanzo è molto appassionante, consigliabile sia ad un pubblico giovane desideroso di leggere quello che è stato considerato un capolavoro del genere fantasy sia da un pubblico adulto che vuole sperimentare e avere la possibilità di apprezzare la bravura di uno scrittore che ha ormai raggiunto gli angoli di tutto il mondo.

 

Written by Lorenzo Carbone

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: