Il reportage di Angelo Merendino: la battaglia di mia moglie con il suo cancro al seno

Il reportage di Angelo Merendino: la battaglia di mia moglie con il suo cancro al seno

Gen 8, 2014

Lascia perdere. Parla d’altro! Non puoi farcela!”. Sono le cose che mi sono detta quando ho saputo di questa storia. Per un po’ sono stata lì, immobile, a decidere sul da farsi. Troppo cruda e troppo triste per essere raccontata.

Troppo coraggiosa e struggente per essere taciuta. E così mi sono fatta forza, ed ho iniziato a scrivere. La storia incredibile di un fotografo americano, Angelo Merendino, che ha documentato il decorso della malattia di sua moglie Jennifer, la sua Jen. Non per spettacolarizzare il dolore, ma per far capire a tutti che combattere il cancro non è facile. Né per il malato, né per chi gli sta a fianco.

Jen si ammala di tumore al seno soltanto 5 mesi dopo il loro matrimonio. Il progetto fotografico è diventato un libro, scaricabile in versione digitale, dal titolo “The Battle we Didn’t choose. My wife’s fight with breast cancer” ( “La battaglia che non abbiamo scelto. La lotta di mia moglie con il cancro al seno”).

I proventi andranno ad un’associazione no-profit, fondata da Merendino in onore di Jen, per aiutare economicamente tutte le donne affette dalla medesima malattia, che devono sostenere le cure, “The love you Share”. (“L’amore che condividi”).

Merendino ha voluto documentare tutto, anche gli aspetti più duri della malattia della moglie, dalla caduta dei capelli, effetto della chemioterapia, alla sofferenza vissuta in un letto. Ed eccola lì Jennifer, una bella e giovane ragazza dai capelli scuri e all’inizio lunghi, consumarsi a poco a poco fino a diventare l’ombra di se stessa. Le foto sono così “vere”! Non perdonano niente.

Immagini inquietanti ed impietose che richiedono una buona dose di coraggio anche solo da parte di chi le guarda. Si materializza davanti ai nostri occhi il calvario vissuto dalla coppia, ci si immedesima in situazioni che purtroppo sono comuni. La morte ha colpito accanto ad ognuno di noi e noi l’abbiamo “odorata”, abbiamo compreso.

Sapevamo già, quando entrando in “quella stanza”,(e tutti ne abbiamo avuta una), ci stampavamo sulla faccia il più doloroso dei sorrisi. In seguito ci siamo ritrovati a chiederci chi mai abbia potuto darci tanta forza! Forse non lo abbiamo mai assimilato. Ed eccola lì la morte, chiara di fronte a noi, in quegli scatti di una donna che ha perso la sua battaglia. Ha perso la vita a 40 anni.

Merendino continua ad aggiornare la pagina Facebook, con foto e pensieri, per mantenere fede alla promessa fatta alla moglie di “non dimenticarla”. Una “Love story” degli anni 2000, dove la protagonista è sempre una Jennifer che si erge a modello, ad esempio di tutte le giovani donne malate al mondo. Logorata nel fisico, ma ancor di più distrutta nell’animo, poiché sa che presto dovrà dire addio alla vita e lasciare la persona amata.

Jen mi ha insegnato ad amare, a sentire, a dare, a credere negli altri e in me stesso. Non sono mai stato così felice come in quel periodo”, scrive Angelo nel sito dedicato al progetto. Nella sezione “Our story”, (“La nostra storia”), Merendino racconta l’avventura con la sua donna, partendo dagli inizi. “La prima volta che l’ho vista ho capito. Ho capito che lei era l’unica. Sapevo, come mio padre dopo il primo incontro con mia madre, che l’avevo trovata”.

E poi la diagnosi. Inappellabile. Tremenda. Cancro al seno con metastasi diffuse. “Più la nostra vita cambiava, più il nostro amore cresceva forte. Le piccole cose per le quali di solito ci arrabbiavamo non avevano più alcun senso. Sorridevamo a tutti, ci dicevamo ciò che provavamo, facevamo sapere alle persone della nostra vita quanto le amavamo. Queste erano le cose che contavano per noi. Sono stati gli anni più straordinari della mia vita”, racconta Merendino.

Come trovare il coraggio di scattare certe foto? Sarà la domanda che si è sentito più volte rivolgere. Ce lo spiega lui stesso: “Appena fu diagnosticato il tumore, Jen iniziò subito i trattamenti. Qualche mese dopo abbiamo iniziato a notare come le nostre famiglie e i nostri amici non capissero quanto seria fosse diventata la sua malattia e abbiamo sentito il loro supporto venire meno. La nostra vita era diventata un insieme di appuntamenti dal medico, di trattamenti e di “effetti collaterali”. Non ci aspettavamo risposte, avevamo solo bisogno della loro presenza. Fu allora che iniziammo a fotografare la nostra vita quotidiana. La nostra speranza era che tutti vedessero cosa affrontavamo ogni giorno e che capissero meglio il cambiamento nella nostra vita”.

Con il suo progetto Merendino ha voluto incoraggiare al dialogo. Molte persone non conoscono la vita quotidiana di chi si ammala di cancro al seno e non sanno come aiutare chi amano ad affrontare la malattia.

La sua speranza è che la storia di Jen possa mostrare alle persone che, anche se non si ha sempre la risposta giusta, l’importante è esserci. Non scappare via. Il messaggio che Merendino vuole lanciare è molto semplice. “Fare una mammografia. So che è spaventoso, ma è l’unico modo per prendersi cura del proprio corpo”.

Scappare via. È proprio quello che vorrei fare. Correre lontano e nascondermi, come tutte le persone che sanno immedesimarsi in questa storia. Come tutte le donne che amano. Ce l’ho fatta. L’ho raccontata. Una storia triste che inneggia alla speranza, ma soltanto per altra gente. Perché l’ultima foto di Angelo ritrae una lapide grigia, di marmo. Poche essenziali parole: “Jennifer, 06/12/1971 – 22/12/2011. Moglie, figlia, sorella, amica devota ed indimenticata”.

Questo accadeva due anni fa.

 

Written by Cristina Biolcati

 

 

 

One comment

  1. Conosco la vicenda e il problema. Ho scritto un racconto pubblicato nel 2012 su questo tema, col titolo di CAMILLA.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: