“Non sono pazza”, libro di Sabrina Papa: l’immagine di una donna che nonostante tutto si mostra forte e caparbia

“Non sono pazza”, libro di Sabrina Papa: l’immagine di una donna che nonostante tutto si mostra forte e caparbia

Dic 24, 2013

“Tu non ci sei; al tuo posto solo ricordi che prego, ogni giorno, perché sbiadiscano anziché diventare sempre più nitidi. Sei diventato la mia follia, la mia eterna malattia. Ti vorrei un’ultima volta anche solo nei miei sogni. Ti vorrei, anche se dovessi morire per questo.”

Sasà è una ragazza siciliana amante del mare e alla continua ricerca di sensazioni che la facciano sentire viva. Tra le cose che ama vi è il mare di Milazzo ed è durante una delle giornate qui trascorse che  s’imbatte in  un affascinante ragazzo di nome Ermann con il quale nasce una relazione fatta di sesso ed incontri fugaci e clandestini.

Sarà il tempo a far comprendere a Sasà che troppe bugie abitano la loro storia e lei starà così male da portarla al ricovero in un istituto psichiatrico. Forse Sasà ha vissuto tutto nella sua mente o vi è qualcosa di più grave alla base del suo malessere?

Non sono pazza” (Lettere Animate, 2013), romanzo d’esordio di Sabrina Papa, può essere suddiviso in due parti, la prima comprendente le prime 90 pagine circa, dedicata alla relazione d’amore tra i due protagonisti, e la seconda di circa 60 pagine all’interno della quale la sofferenza di Sasà si acutizza e che sfocia nel ricovero nella clinica psichiatrica.

La trama è sicuramente ben definita ma spiace dover evidenziare il fatto che la prima parte risulti ripetitiva e quasi banale. La parte finale del romanzo cambia invece quasi completamente registro, diviene più profonda ed intrigante. Il modo in cui si giunge alla scoperta della malattia è graduale e sarebbe stato piacevole far durare questa parte maggiormente. Ed è inoltre molto bello osservare il rapporto tra la protagonista e gli ospiti dell’istituto.

Se poi consideriamo il fatto che la casa editrice ha inserito il libro nella collana “Erotismo” ci chiediamo anche cosa e quanto di erotico vi sia all’interno dello stesso. Sì, la storia d’amore è presente e risulta piuttosto intensa, ma ciò che di esplicito ci si immaginerebbe di trovare manca quasi totalmente.

È un peccato che una storia con tale potenzialità sia stata pubblicata senza attuare delle modifiche che avrebbero giovato sia all’autrice Sabrina Papa che alla casa editrice che l’ha pubblicata. Perché dover ascoltare tali giudizi quando sarebbe stato sufficiente sviluppare meglio i punti forti del romanzo e puntare su questi?

Tra i pregi del romanzo vi è anche l’aver delineato l’immagine di una donna che nonostante tutto si mostra forte e caparbia e che non si fa scrupoli nel mandare via l’uomo che improvvisamente si mostra violento e irrispettoso nei suoi confronti. Senza inoltre trascurare l’aspetto psicologico che primeggia nella storia.

Certamente l’autrice farà tesoro di ogni commento, sia positivo che negativo, e non vediamo l’ora di poter leggere un suo nuovo libro, forse, chissà, il proseguo delle vicende della pazza Sasà.

 

Written by Rebecca Mais

 

 

Info

Leggoebook.it

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: