Coco Chanel: un nuovo ritratto dipinto da Marion Pike, in mostra dal 6 dicembre al 2 marzo 2014, Milano

Coco Chanel: un nuovo ritratto dipinto da Marion Pike, in mostra dal 6 dicembre al 2 marzo 2014, Milano

Dic 11, 2013

Palazzo Morando a Milano ospita una mostra dedicata a Coco Chanel, la “signorina” della moda, icona di stile e di eleganza, discussa protagonista del Novecento.

 

Dal 6 dicembre 2013 al 2 marzo 2014 presso le sale espositive al pianoterra, con ingresso dedicato da via Bagutta 24. L’ingresso è gratuito. Esplicativo il titolo, “Coco Chanel: un Nuovo Ritratto Dipinto da Marion Pike. Parigi, 1967- 1971”, che propone un’esposizione di dipinti, abiti, fotografie e documenti appartenuti alla celebre stilista francese.

Per la prima volta viene presentata al grande pubblico l’amicizia tra due donne di straordinario talento del Ventesimo secolo, la couturière Gabrielle Bonheur Chanel (1883-1971), in arte Coco, e l’artista californiana Marion Pike (1913-1998), pittrice di talento, amica personale e ritrattista di personaggi dello spettacolo e celebrità.

Le sue opere sono spesso di grandi dimensioni, e viene ricordata anche per questo. L’amicizia nasce nel 1967 a Parigi, quando la Pike conosce Chanel e ne dipinge il ritratto. Da lì si consolida e proprio in questa mostra si propone di svelare una “nuova” Coco Chanel, vista attraverso una versione inedita.

La mostra infatti, nel titolo allude ad “Un nuovo ritratto di Chanel dipinto da Marion Pike”, ovvero la rivelazione della natura più intima ed autentica della stilista. Presenti 5 fra i 13 ritratti totali realizzati dalla Pike, fra cui spiccano i monumentali “Chanel Big Head” del 1967 e “Chanel in her Atelier” sempre dello stesso anno.

La mostra inoltre comprende capi d’abbigliamento disegnati da Coco fra il 1967 e il 1969 per Marion e sua figlia Jeffie. Facente parte del percorso espositivo anche un’ampia collezione di fotografie di Marion Pike, Coco Chanel e di numerosi personaggi, oltre a documenti personali e lettere.

Con questa mostra Palazzo Morando conferma la propria vocazione di Museo del Costume e della Moda – ha dichiarato l’assessore alla cultura Filippo del Corno Un’esposizione preziosa che conferma le inevitabili interconnessioni tra moda, costume, arte e cultura”.

Un diverso modo quindi di approcciarsi all’arte e al talento di Coco Chanel. Genio indiscusso della moda che, nel Ventesimo secolo, ha lasciato una profonda traccia di sé. Persona descritta come dispotica, un tantino capricciosa, molto carismatica. La mostra di Milano può essere considerata un’occasione per conoscere anche l’altro lato della medaglia.

La Coco “amica”, la donna che era nell’intimità, circondata dai suoi affetti. Speriamo questo possa contribuire a rendere la sua figura meno distante e soprattutto più umana.

 

Written by Cristina Biolcati

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: