Jaja: il mistero di una nuova isola scoperta nel Mar di Siberia

Jaja: il mistero di una nuova isola scoperta nel Mar di Siberia

Dic 6, 2013

“L’isola che non c’è”, come viene definita in questi giorni, non si riferisce ad una canzone di Edoardo Bennato, né alla favola di Peter Pan. È Jaja, l’ultima scoperta che giunge dalla Russia, un lembo di terra che si trova nel mare Artico di Laptev.

Il ritrovamento è avvenuto per caso, da parte di alcuni piloti russi che stavano sorvolando in elicottero la repubblica siberiana di Yakuzia, durante un volo di collaudo. Il ritrovamento va ad aumentare di altri 500 metri quadri la superficie di quello che era già il Paese più grande del mondo.

Ci troviamo vicino all’arcipelago delle isole di Novosibirski e la cosa è apparsa subito strana. I piloti hanno pensato che non poteva esistere un’isola che non fosse presente sulle mappe. Hanno comunque preso le coordinate e quindi hanno deciso di effettuare un secondo sorvolo per essere certi di avere visto bene.

Al secondo passaggio, con i loro Mi- 26, non hanno avuto più dubbi. Al Paese più grande ed inesplorato del mondo, si doveva aggiungere una nuova isola. Due sono le ipotesi volte a spiegare l’esistenza di Jaia. La meno probabile è che si sia formata recentemente, anche perché nell’Artico non vi sono vulcani.

L’ipotesi più accreditata è che esistesse già, ricoperta e mimetizzata dal manto candido dell’Artico e che nessuno l’avesse vista. Un fazzoletto di terra di poche centinaia di metri. Il comandante della squadra che ha scoperto quest’isola sconosciuta, Aleksander Matveev, rivive la sua avventura:

Ho dato il comando al nostro ufficiale di rotta di mettere un segno sul navigatore jps, cosa che ha fatto. Poi nel volo successivo abbiamo scoperto questo punto, l’abbiamo cercato volando lì vicino e non invano. L’isola è davvero lì”.

Alla nuova isola si voleva dare un caldo nome del sud, come Bounty, visto che la forma del lembo di terra, appena scoperto, ricorda quello dell’isola di una famosa pubblicità. “Quando abbiamo iniziato a chiedere chi l’avesse scoperta per primo però, – spiega lo storico e geografo Sergei Ryzij – tutti hanno cominciato a dire io! Io! Sono stato io! Così abbiamo deciso di nominare l’isola Jaja, che in russo significa appunto io”.

Con molta probabilità l’aumento delle temperature ha fatto sciogliere la calotta che nascondeva l’isola, rivelando al mondo la sua esistenza. Sono zone così fredde ed inospitali, che non credo il mondo si senta più ricco, anche se bisogna riconoscere l’importanza della scoperta.

Jaja, la nuova isola sorta dal nulla e di cui nessuno aveva mai sospettato l’esistenza. È proprio vero che al mondo non ci si annoia mai!

 

Written by Cristina Biolcati

 

4 comments

  1. mi torna in mente il celebre libro di Hancock e sullo spostamento della superficie terrestre… gira e rigira uno di questi giorni scopriamo che certe teorie “strambe” sono l’esatta descrizione di quanto accaduto, e magari ritroveremo pure Atlantide…
    Grazie per la news
    Flami

  2. Ivan /

    La notizia è un buon pretesto per studiare i cambiamenti climatici attualmente in atto.
    Personalmente sono convinto che le altre scoperte verranno fuori nei prossimi anni, questo soprattutto grazie al riscaldamento globale della terra…spero solo che l’ Artide non cominci a fratturarsi e scongelarsi !!!

    • Ivan anche secondo me siamo solo agli inizi delle grandi scoperte. Non solo come ben tu sottolinei per lo scongelamento in atto, ma anche per la maggior consapevolezza che abbiamo del passato e grazie al web (che ci permette di vedere oltre i nostri piccoli confini) possiamo confrontarci per cercare il grande passato a noi celato.

      Grazie per il tuo commento :)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: