“Sotto le stelle d’agosto”, libro di Filomena Baratto: una donna che scrive della vita e delle sue possibilità

“Sotto le stelle d’agosto”, libro di Filomena Baratto: una donna che scrive della vita e delle sue possibilità

Nov 13, 2013

La stesura di un romanzo, dà la possibilità di esprimersi attraverso un ampio tragitto letterario dove l’input, il plot e la conclusione, rendono al lettore un quadro completo e quindi di avere  molti punti di riferimento per seguire una storia.

La difficoltà maggiore per uno scrittore, è invece  rendere l’essenzialità  di ciò che egli  vuole condividere con il lettore attraverso il racconto.

Filomena Baratto è riuscita grazie a una proprietà di sintesi, usando metafore e trame interessanti a scrivere dieci racconti che vanno poi ad intersecarsi in un’unica direzione: quella della speranza.

Un libro quindi d’aspettazione, d’attesa al miglioramento, alla soluzione, a quella luce cercata e desiderata  in fondo alle ombre che la vita spesso ci offre.

Una scrittrice dalla grande sensibilità che attraverso una profonda analisi del vivere quotidiano, ci propone quelle realtà che fanno parte della routine di ogni giorno dove la vita e le sue molteplici sfaccettature incalzano nel bene e nel male.

Ogni storia potrebbe essere la storia di chiunque, personaggi comuni, attimi e situazioni probabili alle quali, nel vivere quotidiano, spesso non diamo quell’importanza che dovrebbero avere: una bambina, un sogno, un luogo ritrovato, un amore impossibile, la solitudine, il cambiamento, rapporti fra madre e figli, crisi di coppia.

Filomena Baratto, analizza la quotidianità dando a questa, la giusta importanza segnalando l’essenza del vissuto negli attimi e nelle azioni dei suoi personaggi.

Ogni racconto è una storia completa, mai leggendo si avrà la sensazione del non compiuto, ogni narrazione ha l’intensità e la forza che solo la vita vissuta può avere. Impossibile restare insensibili a tanta emozione, i racconti sono piccoli capolavori che potrebbero essere tranquillamente sceneggiati tanto sono ricchi di particolari. Riusciremo a vedere i luoghi della Campania, i fiori, a  percepire i profumi e l’olezzi  ed immaginarsi i ciliegi che Giovanni amava.

Udremo la musica di Beethoven ed il walzer di Chopin, c’inoltreremo in un misterioso Palazzo Borbonico attraverso la curiosità di Nenè,  sentiremo in noi la solitudine di Giuliano, saremo testimoni della “pazzia” di Ludovica e rifletteremo sull’amore impossibile fra Sara e Don Giacomo.

Fatti che sono mosaico di colori, di  suoni fra  pianti e sorrisi; piccoli tasselli che si attraggono fino a formare un’unica grande produzione che ha come essenza principale, l’amore in ogni sua forma e la speranza come bisogno vitale dell’essere umano.

Una scrittrice intelligente, minuziosa, coerente e mai sopra le righe. Una donna che in primis porta la propria coscienza, determinazione, acutezza del pensiero in questo libro che vuol essere riscatto e attesa al miglioramento dove lo sperare è sinonimo di rinascita, di lucentezza .

Sotto le stelle d’agosto, c’è molto da osservare; una donna che scrive della vita e delle sue possibilità, una scrittrice attenta che non giudica, non adita, ma con ricami di parole dà un valore al tutto perché del tutto viviamo!

 

Written by Marzia Carocci

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: