“Cogito Ergo Sum… Donna”, il viaggio nell’universo femminile al Museo MAGMA, dal 12 ottobre, Roccamonfina

“Cogito Ergo Sum… Donna”, il viaggio nell’universo femminile al Museo MAGMA, dal 12 ottobre, Roccamonfina

Ott 12, 2013

Sabato 12 Ottobre, alle ore 18.30, sarà inaugurata presso il Museo civico MAGMA di Roccamonfina, in provincia di Caserta, la Collettiva d’arte “Cogito ergo sum…Donna”.

Dopo il recente successo di critica e pubblico riscosso durante l’esposizione presso il castello di Milazzo, gli artisti siciliani hanno varcato i confini dell’isola.

La collettiva – che riunisce la pittrice Giada Romano, in arte GiaRò, lo scultore Dario Rugolo, RuDa, e i fotografi Maria Letizia Cotroneo, Alessandro Faccini e Sara Fugazzotto – ha trovato spazio all’interno della mostra d’arte contemporanea e design trend Line del museo. La direzione artistica è affidata a Paolo Feroce, già promotore di varie esposizioni d’arte nazionali e internazionali.

Un punto di vista diverso per ciascuna espressione – Fotografia, Pittura e Scultura – in un viaggio tematico che segue, però, un unico filo conduttore: la donna. L’obiettivo dei fotografi indugia così ora sui volti sereni e sorridenti, ora su quelli maggiormente segnati dalla violenza.

Dai tratti leggeri e impalpabili di GiaRò traspare tutta la fragilità e la velata seduzione dell’universo femminile. Dalla materia plasmata da RuDa emerge, invece, la donna come procreatrice, associata dunque alle idee di fecondità e rinascita.

Toccando alcuni aspetti del poliedrico universo femminile – dalla fragilità alla seduzione passando per la violenza, la denuncia della stessa e la successiva rinascita – gli artisti vogliono dare voce al grido sommesso di tante donne che hanno paura di ribellarsi.

I casi di femminicidio, ormai all’ordine del giorno, riempiono le cronache dei telegiornali, entrando prepotentemente nelle nostre case. Tuttavia, il rischio assuefazione a queste notizie è sempre più concreto: l’indignazione si va via via assottigliando, al pari dello spazio ad esse dedicato, e lascia il passo a una sorta di umana rassegnazione.

È proprio per ribadire che non c’è nulla di fisiologico o di irreversibile in questo odioso fenomeno che gli artisti scendono in campo. In una cultura ancora maschilista che spesso definisce la donna in antitesi all’uomo, elemento costitutivo della società, si avverte come necessaria l’affermazione del valore assoluto della donna, essere pensante e autonomo.

La cornice che ospita le loro opere è giovane, al pari degli artisti: Il MAGMA, Museo delle Arti e del Geosito dei Monti Aurunci, è stato infatti inaugurato nel 2010.

Grazie alla sua posizione strategica, funge da anello di congiungimento tra il basso Lazio e la Provincia di Caserta. Ospita opere di artisti affermati ma dà spazio – fatto raro, specie nel Sud Italia – anche a giovani promettenti. Si tratta di un museo delle arti figurative improntato all’interdisciplinarità, con i suoi 2000 metri quadri di spazio, destinabili alle funzioni d’uso più disparate.

I giorni e gli orari di apertura sono reperibili consultando il sito internet del museo. L’entrata è, come sempre, gratuita.

 

Written by Nino Fazio

 

Info

Sito Museo MAGMA

Cogito ergo sum… Donna 26 luglio 2013

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: