“Le nebbie del passato” di Andrea Marchetti – recensione di Marzia Carocci

“Le nebbie del passato” di Andrea Marchetti – recensione di Marzia Carocci

Ago 18, 2013

La storia di “Le nebbie del passato” è ambientata a Montebello, un antico e ridente paesino dove tutti si conoscono e dove  ognuno pare  occultare  inconfessati segreti ed un passato da seppellire.

Un fatto violento, sconvolgente,  obbligherà la comunità ad aprire alcune porte che avrebbe tenuto sbarrate per sempre; sarà  la morte di Olmo che in un primo tempo porterà a pensare ad un suicidio, a fare intervenire chi dovrà investigare.  Il Maresciallo Leonardi si accorgerà ben presto che il suicidio del povero Olmo, non è altro che un caso di omicidio..

Tutte  le schegge di un mosaico si stringeranno in un caleidoscopio di ombre riflettendo  in un baratro che riporterà  a riaffiorare un passato dove orrori, segreti, omertà e strane circostanze daranno spiegazioni ad una vicenda che ci porterà prepotentemente in un dejavù nella storia dell’uomo.

Il ritorno/fantasma del  “vissuto” di una seconda guerra mondiale ripercuoterà nella vita del Borgo  che proverà a rivivere e a rialzarsi in un dopoguerra reduce di delusioni dove le anime sono svuotate dagli ideali spezzati  e dove c’è  sempre qualcuno che ricrea strane gerarchie.

Apparentemente un luogo incantevole, tranquillo, una piazza, una valle, contadini, nobiltà, gente comune e notorietà di un  paese dove le apparenze sono solo riflessi di uomini e donne che portano in sé un bagaglio difficile da interpretare per lo stesso Maresciallo che lentamente con caparbietà, ma anche con difficoltà cercherà di comprendere.

Un noir psicologico  dove i tasselli sembrano in un primo tempo incastrarsi per poi di nuovo frantumarsi nella mente di un sottufficiale alle prese con qualcosa che è impossibile da fare emergere perché trattasi di introspezioni umane chiuse e in difesa di un proprio mondo fra misteri e oscuri segreti

La caratteristica di Andrea Marchetti è la grande maestria nel descrivere minuziosamente i personaggi e  i luoghi, riuscendo insieme  a tessere un giallo con trama lenta ma di forte impatto emozionale dove il lettore stesso, si troverà a porsi domande e a riflettere su quanta verità si possa scorgere tra le righe di questo libro.

Un giallo tutto italiano dove l’autore ha un suo stile, una sua genialità d’interpretazione e una fervida mente che porta oltre le classiche modalità della narrativa poliziesca, egli infatti riesce a fare intersecare la trama/suspence al ragionamento psicologico sull’uomo e sulle reazioni agli eventi inaspettati.

Passo dopo passo grazie alle raffigurazioni letterarie ben tracciate impareremo a riconoscere i personaggi, a sentirli parlare, respirare, tramare in un susseguirsi di detto, non detto dove tutto sembra chiarirsi per poi di nuovo entrare nell’ombra.

Un viaggio post bellico in un’Italia piegata, confusa e alle prese con vecchi scheletri da sotterrare, segreti e misfatti che il Maresciallo Leonardi, nonostante “le nebbie del passato” offuschino la visione, riuscirà a intravedere ed identificare .

 

Written by Marzia Carocci

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: