Vincitori e finalisti della gara letteraria “Dalla Svastica alla Bibbia”

Vincitori e finalisti della gara letteraria “Dalla Svastica alla Bibbia”

Ago 13, 2013

Si è conclusa il 25 luglio la gara poetica “Dalla Svastica alla Bibbia”  promossa dalla web-magazine OublietteMagazine e dall’autore Roberto Lirussi.  Anche per questo concorso la partecipazione è stata altissima, cogliamo l’occasione per ringraziare i nostri lettori per l’importante presenza.

Una settantina di partecipanti, dodici finalisti e 3 vincitori.

La giuria della gara “Dalla Svastica alla Bibbia” (Alessia Mocci, Roberto Lirussi, Fiorella Carcereri, Rosario Tomarchio, Cristina Biolcati, Rebecca Mais) ha decretato i 3 vincitori delle copie del saggio sugli antichi popoli “Dalla Svastica alla Bibbia” di Roberto Lirussi, edito dalla casa editrice laziale Edizioni DrawUp per la Collana Oubliette.

Tutte le poesie ed i racconti partecipanti possono essere lette QUI.

Finalisti

Enrico M. Scano con “Lacrime di pioggia”

Annarita Furcas con “Sei Luce”

Teresa Anna Rita De Salvatore con  “La vera storia di Marinella”

Sebastiano Impalà  con “M’incamminai leggendo”

Daniela Schirru  con  “Le Questioni della Vita”

Giuseppe Carta con “Si andava per mari”

Bartolomeo Capuano con “Paesaggio in te”

Alessio Barettini con “Futuro che mastichi parole a metà”

Giovanni Beani con  “Un Tuffo Al Cuore”

Sina Mazzei con “L’albero della mia vita”

Lella Pintus con  “Forse sono arrivato troppo tardi”

Urania Scarpa con “L’amore è un temporale”

 

Vincitori

 

Enrico M. Scano con “Lacrime di pioggia”

Una vecchia camminava per Via Nuova. Con passo lento e uno sguardo triste perso verso il basso, si trascinava dietro una grossa borsa marrone. Un po’ gobba e appesantita, era coperta da una pesante giacca scura allacciata in vita. Il cielo nero faceva presagire pioggia ma la vecchia non aveva ombrello. I suoi capelli arruffati, grigi e bianchi, le ricadevano lunghi ai lati, sulle orecchie, e il suo viso era scavato dal lungo passato che le aveva riservato tanti dolori. Questa vecchia una volta era stata una bellissima ragazza. Contesa dai più belli e agiati ragazzi della Città, aveva rubato il cuore a molti ma il suo l’aveva dato a un solo uomo, che l’aveva resa felice fino a quando non era passato a miglior vita. Quando attraversò Piazza La Marmora, lanciò un timido e pensieroso sguardo alla fontana e alla palazzina liberty. Un giorno di tanto tempo fa era lì che aveva conosciuto Alfredo. Quel giorno, cinquant’anni prima, lui era seduto proprio sui gradini di quella fontana. Lei percorreva spesso quelle strade perché al tempo abitava giusto nelle vicinanze. Mentre passava davanti alla vetrina della gioielleria, come per volere del Destino le era caduto il fazzoletto dalla tasca e lui, Alfredo, prontamente si era lanciato per raccoglierlo e restituirglielo. Da quel momento erano divenuti inseparabili. Finché morte non vi separi gli aveva detto il prete quando li aveva sposati. Appunto. E la morte, puntualmente, ci aveva pensato lei a separarli presto. Troppo presto. Tutta la vita vissuta pensando a questo grande amore perduto e durato troppo poco. Il suo unico grande amore. Lei aveva vissuto solo e soltanto per assicurarsi di perpetuare il ricordo del suo Alfredo, affinché gli altri sapessero di lui e non venisse mai scordato.
Cominciò a piovere e le lacrime di Anna si confusero con le gocce di pioggia sul suo viso.

 

Lella Pintus con  “Forse sono arrivato troppo tardi”

L’acustica del locale era pessima e sono andato via.
Avevo bevuto troppo, il mio cervello nuotava nel vino.
La mia auto… Giuro che non c’era nel parcheggio.
Mi sono avviato a piedi verso casa.
Inciampavo continuamente in me stesso.
Ho pisciato contro un palo della luce e non sono riuscito a centrarlo.
Era ora di puttane.
Statue mezze nude sui marciapiedi del viale.
Una di loro ha guardato la mia merce inservibile.
Ho biascicato un invito che non si è allontanato dai miei denti.
E mentre il vino si diluiva nell’aria ho ripreso a camminare, sempre più in fretta.
Senza sapere come mi sono trovato sotto casa.
Cazzo, le chiavi erano in macchina.
Per questo sono andato da lei.
Ho cercato il coraggio per suonare il campanello persino dentro le tasche della giacca.
Quando l’ho trovato stava albeggiando.
Quando lei ha aperto ero ormai sobrio.
Al citofono le ho detto
– Scusa se ti ho svegliata!
– Sparisci! – Mi ha risposto un tizio.

Forse sono arrivato troppo tardi.

 

Teresa Anna Rita De Salvatore con  “La vera storia di Marinella”

Era seduta sola, sulla valigia, in quella che appariva un’immensa piazza antistante al porto. Era tutta vestita di nero ed era ripiegata su se stessa. Il cielo era ancora plumbeo e una leggera pioggia non alleggeriva l’atmosfera, anzi si era alzato un vento freddo che la faceva turbinare.
Lei, a tratti, sollevava lo sguardo al di sopra delle braccia incrociate sulle ginocchia e guardava verso la nave che l’aveva portata fin lì e che sarebbe ripartita la sera stessa.
Un coro di migliaia di donne silenziose osservava dai palchi del cielo.
A un tratto si alzò con fatica, prese la valigia e si diresse verso la nave.
Il coro delle prefiche cominciò ad intonare un lamento. Lei non sentiva. Procedeva. Il vento le portò via il cappello che lei salutò con una breve occhiata. Arrivata sulla soglia del molo, di fronte alla nave, poggiò la valigia per terra e sfilò la cintura dal lungo piumino nero che la riparava, poi si sfilò il piumino che il vento portò subito via infangandolo sul cemento bagnato e sporco, si legò la valigia al polso. Il canto delle prefiche diveniva gradualmente più alto e più straziante. L’aria tutt’intorno ne era piena. Qualcuno, lontano, cercava l’origine di quel canto, ma nulla si poteva vedere né comprendere. Lei era già lontana da tutto e, giunta al limitare del molo, si lasciò andare, insieme alla valigia, avvolta nel vestito rosso che doveva essere una sorpresa. Le voci ululavano strazianti.
Fu pescata tempo dopo. Non fu identificata.
A causa del vestito rosso pensarono a una prostituta.
Nessuno bussò mai alla sua porta perché il tempo si capovolse e un uomo ritornò nel ventre di sua madre per poter rinascere. Per non credere che si era messo un cappello bianco e un mantello rosso e aveva lasciato che una donna scivolasse via.

 

I vincitori saranno contattati via email per l’invio del premio.

Complimenti ai vincitori, finalisti e partecipanti!

 

23 comments

  1. teresa de salvatore (Terry Salentina) /

    ma non ci posso credere…. Grrraaaaazzzziiiiieeeee! E complimenti a Lella e ad Enrico.

  2. fiorella carcereri /

    complimenti a vincitori e finalisti :D

  3. Lella /

    Grazie, sono onorata e contenta!! Complimenti a tutti. Bravi Enrico e Teresa :)

    • :D Ottimo Lella, ti abbiamo inviato un’email per aver il tuo recapito per l’invio del premio. Aspettiamo tue.

    • Grazie Lella, sono queste le soddisfazioni che fanno continuare a scrivere, tanto, si sa, gli scrittori sono sempre squattrinati (a parte alcuni MOSTRI),Ciao Roberto

  4. Sono onoratissimo, grazie! Complimenti a Lella e a Teresa e a tutti gli altri partecipanti. Ancora grazie e, come dico sempre, alla prossima!

    • Ciao Enrico, che bell’entusiasmo!!!
      A breve riceverai una copia de “Dalla Svastica alla Bibbia”!!!

      • L’entusiasmo è un ingrediente magico che non deve mancare mai nella vita, qualsiasi cosa si faccia ;)

    • Super-complimenti…si può dire? sono rimasto impressionato dal numero dei partecipanti…all’inizio speravo fossero almeno 10! Continua e continuiamo…non perdiamo la NOSTRA cultura o saremo sottomessi (non è un messaggio razzista, ma è per valorizzare l’80% dei beni culturali che abbiamo in Italia). Ciao Roberto

      • Grazie Roberto. Continuerò e continueremo, Condivido ciò che hai espresso. Affinché la Cultura non muoia, bisogna alimentarla di continuo, contro chi invece rema contro. A presto e alla prossima. EMS

  5. Felice di essere ancora fra i finalisti

  6. grazie infinite di essere fra i finalisti!!!!!!!!

  7. Ringrazio ed abbraccio tutti per la partecipazione e da domani contatterò ognuno di Voi per condividere la gioia di scrivere, di leggere. Davvero di cuore<3 Roberto

  8. Un girotondo COMPLESSIVO di scribacchini (io il primo) siete stati BRAVISSIMI TUTTI GLI OLTRE 70(!!!), mi auguro di non perderci di vista. Chiederò l’amicizia a dI ognuno di Voi. Se Vi mando poke vuol dire che mi hanno bloccato e dovreste farlo Voi. Potrete così conoscere quello che scrivo, perchè non scrivo solo di storia, ma a seconda del momento (lo capite benissimo meglio di me) ho la testa che parte verso un rivolo, un’altra verso un altro, scrivo thriller, poesia, racconti brevi e potrete trovare molti altri amici. Quindi vi invito a chiedermi PRIMA L’AMICIZIA, POI l’ingresso nei gruppi LA REGALITA’CALò DAL CIELO – ROBERTO LIRUSSI LIBRI – DALLA SVASTICA ALLA BIBBIA, OLTRE all’AMICIZIA e pagina personale semplicemente Roberto Lirussi. Mi spiace chiudere qui, IO E LA TASTIERA ENTRIAMO IN UNA FOTOSINTESI OSMOTICA E NON RIUSCIAMO A STACCARCI QUANDo CI IMBATTIAMO: “HEI, CIAO, COME VA,” “eH SAI DOVEVO MANDARE QUELLE DUE MAIL…” “FACCIAMO SUBITO?” ” DAI FACCIAMO SUBITO”………….dopo due ore…..ma non erano solo 2 mail….si ma mi è venuto in mente di postare ad un vecchio amico un saluto…………………………………………..e buonanotte ai sognatori. UN ABBRACCIO LOVE ‘U ALL <3 Roberto Lirussi…vi aspetto sulle mie pagine…………………..

  9. Carissimi, a breve Vi spedirò il testo che avete meritato di vincere (ai primi tre). Roberto

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Una vittoria a un concorso letterario: so’ soddisfazioni! | Enrico M. Scano - il Blog - [...] http://oubliettemagazine.com/2013/08/13/vincitori-e-finalisti-della-gara-letteraria-dalla-svastica-a... Eccomi subito dopo aver letto della vittoria. Il Mi piace ci sta tutto. Share this:TwitterFacebookMi piace:Mi piace Caricamento...…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: