Claudio Fiorentini e la sua triade artistica – recensione di Ninnj Di Stefano Busà

Claudio Fiorentini e la sua triade artistica – recensione di  Ninnj Di Stefano Busà

Lug 29, 2013

Personalità poliedrica. Assomma in sè tre manifestazioni artistiche: pittura, narrativa, poesia. Si potrebbe sospettare che non eccelle in nessuna, ma invece Claudio Fiorentini ha le capacità di esprimersi con ottimi risultati nelle tre espressioni suddette.

In pittura mostra un tratto sicuro, una marcata bilanciatura cromatica, una preparazione pittorica che gli ha dato molto successo, partecipando a mostre e vernissage non solo in Italia, ma anche all’estero, dove è apprezzato per la sua abilità pittorica. Il suo stile è moderno senza eccessi di esaltazione del modernismo, perché sa dosare sapientemente colori e forme.

La sua mano felice lo porta a creare un’arte che potremmo definire surrealista simbolica o simbolista surreale, (che dir si voglia). Risente della pittura impressionista del Novecento, col tratto molto calcato e vigoroso, un “nuance” che vi si avviluppa in modo avvolgente ed elegante trasferendo l’immagine in un paesaggio onirico di grande impatto. L’autore ha una visione tutta sua della vita e dell’arte, che lo porta ad individuare linee morbide, nelle quali scorre una passione per tutto l’apparato sentimentale del vissuto.

Mette a frutto le esperienze di vita acquisite in tanti anni di residenza all’estero, nei quali si è impadronito correttamente di varie lingue e si è adeguato ai tratti essenziali di un vivere cosmopolita, attraverso il quale ora esprime le caratteristiche principali dei luoghi visitati.

Possiede anche un grande patrimonio linguistico che mette a disposizione della narrativa e della poesia: entrambe molto frequentate dall’autore.

In narrativa è spigliato, divertente, ironico, si esprime a tratti alla maniera gaddiana. La sua scrittura molto stringata e parsimoniosa di aggettivazioni, di orpelli, mira al discorso concreto, senza arrangiamenti od infingimenti.

Il realismo convive nelle sue opere e vi trasferisce le linee essenziali di una verità dolorosa, ma sorretta da una saggia visuale dell’esistente che si manifesta in ogni circostanza.

Lo attraggono le grandi tematiche: l’amore, la morte, la religione, la filosofia affiancate da una visionarietà che scheggia talvolta il vissuto, fomentandolo e di riflesso cercandolo e tentandolo metaforicamente.

L’allegoria è anche una delle sue attitudini. La sua pagina narrativa sembra ambientata in un tempo dialogico ma anche diacronico, e si snoda lungo il corso di una ambientazione che riecheggia di molti temi.

Non mi aspettavo che anche la poesia di Claudio Fiorentini fosse di un certo livello, non avevo mai letto nulla dell’autore e sono rimasta sorpresa per la grande capacità di darsi al verso come una componente non fittizia di scrittura. Nelle sue opere non mette in circolazione solo la fantasia, ma la muove a suo piacimento, calcola le parole, i riflessi fonici.

La sua ispirazione è armonica risente di un’orchestazione memoriale di buon livello, che sa gestire l’immagine in una ragnatela di riflessi addensandovi le emozioni, le suggestioni che sembrano provenire da lontananze, a determinare il coacervo delle sue immagini variegate, sobrie, intense: “oltre il confine dei venti/ Dove la pietra intagliata dagli antichi/ Ora contempla la pochezza umana.”(pag.21) e ancora: “in ore di marciume riscopri/ Che la notte non lascia segno/ Fuorché rughe di destini incompiuti.” (pag. 20)

Bellissimi infine questi versi:Lasciarsi andare/ in mari di dolcezze/ Dove il volo d’argento e nubi/ dissuadendo l’essenze e le magìe/ delle stagioni/ E ridendo al crepuscolo rincorrendo l’amore/ Per poi/ Lasciarsi andare…” (pag.14). Sta per uscire alle stampe il secondo romanzo di Claudio Fiorentini, al quale vogliamo augurare il migliore successo e il più sincero apprezzamento per la completezza della sua triade artistica, che ben si addice alla sua personalità di pittore prestato al romanzo e alla poesia.

Una globalizzazione di identità, la sua, che in una geografia spirituale ricca di stimoli, non si presenta come transitoria, ma, attraverso uno scandaglio incisivo del mondo, assurge ad una cosmicità che muove scenari, paesaggi e luoghi ispirandosi al nostro tempo con tempra lirico-narrativa, che mostra la scenografia delle immagini la tensione ed il pathos che tutto l’attraversano.

 

Written by Ninnj Di Stefano Busà

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: