“Mi dimetto (da Benedetto)”, nuovo singolo di Emilio Gallo

“Mi dimetto (da Benedetto)”, nuovo singolo di Emilio Gallo

Lug 25, 2013

Dopo il successo sul web del videoclip di Gallo – Partito Positivo” (100.000 visualizzazioni su youtube e 15.000 clic su RepubblicaTV) che descriveva lo scenario politico del bel paese nel momento frenetico della campagna elettorale, il cantautore pugliese, colpito dallo storico evento delle “dimissioni” veste i panni non di un uomo qualunque, ma del Papa emerito.

La bravura e le doti comunicative di un cantautore come Gallo risiedono nella capacità di trasformare in motivetti semplici e orecchiabili anche i momenti più tristi e malinconici della vita degli uomini.

Così puntando il dito contro “la società veloce”, i potenti e i “lupi” della Chiesa (come li chiamava lo stesso Papa) che hanno portato Benedetto XVI alle dimissioni, ci racconta dal suo punto di vista tutto ciò che “l’emerito” avrebbe potuto o voluto dire prima di dimettersi.

Con giochi di parole e rime, lo storico evento delle dimissioni di Papa Benedetto XVI diventa un esilarantema anche molto credibile discorso di commiato nel nuovo singolo Mi dimetto (da Benedetto)”.

Con i suoi testi parla del mondo attuale, ma con una innata vena comica. 

È proprio grazie al particolare approccio con cui affronta temi a volte anche molto delicati, che il 29enne pugliese si è fatto anche notare nel settembre scorso anche a Faenza durante il MEI Super Sound 2012 come una delle migliori giovani promesse del nuovo cantautorato italiano.  Il primo video “Partito Positivo” è stato girato questa settimana a Rimini ed è uscito sabato 19 gennaio.

Un brano ironico ed orecchiabile che prende di mira il mondo politico di oggi. C’è il programma, c’è anche il curriculum. Ho una laurea che ho comprato, ho fatto anche il magistrato, ho fatto anche il botulino, il mio primo hardcore lo trovate su youporn“.

Diciamo ho le carte in regola per essere un politico italiano credo no?“, racconta il cantautore, “Ho il bisogno, sento la necessità, la spinta in questo momento storico, in questo periodo storico di dare il mio contributo alla politica italiana“.

In una decina di brani Gallo racconterà la sua Italia di oggi: dagli attacchi di panico, al suicidio alla disoccupazione, sempre con il piglio musicale ironico che lo contraddistingue.

 

 

Info

Facebook

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: