“Cogito ergo sum…Donna”: un viaggio alla riscoperta dell’universo femminile, dal 26 luglio al 4 agosto, Milazzo

“Cogito ergo sum…Donna”: un viaggio alla riscoperta dell’universo femminile, dal 26 luglio al 4 agosto, Milazzo

Lug 23, 2013

Il 26 Luglio, nell’ambito della Notte Rosa, nell’incantevole scenario del castello di Milazzo (ME), verrà inaugurata la mostra Cogito ergo sum… Donna.

L’idea e la realizzazione hanno visto protagonisti il gruppo fotografico “Tracce del Territorio”, la pittrice Giada Romano, in arte GiaRò, e lo scultore Dario Rugolo, RuDa, sostenuti dall’associazione “Il Cappellaio” di Rometta, col patrocinio della Regione Siciliana, dell’Assessorato ai Beni Culturali del Comune di Milazzo e dell’associazione culturale “La Compagnia del Castello”.

L’obiettivo della mostra è la rappresentazione, attraverso la fotografia, la pittura e la scultura, del disagio e delle violenze che la donna subisce ormai sempre più spesso.

Lo sfaccettato mondo femminile è reso, però, nella sua totalità: fragilità, seduzione, violenza, denuncia e rinascita.

Dai volti, ora sensuali e sorridenti, ora sconvolti dalla violenza, catturati dagli scatti fotografici si passa ai tratti leggeri ed impalpabili dei dipinti di GiaRò, intrisi di fragilità e velata seduzione; per finire con la carica rigeneratrice e procreatrice delle sculture di RuDa.

La donna come l’araba Fenice che rinasce dalle proprie ceneri, sempre capace di reinventarsi e andare avanti, sebbene i punti fermi talvolta vengano meno.

I numeri del femminicidio nel nostro Paese, come ha rivelato giorni fa la presidente della Camera Laura Boldrini, sono agghiaccianti: 2061 i casi dal 2000 al 2011, già 60 donne uccise dall’inizio dell’anno.

Una barbarie che prende le mosse dalla mercificazione della donna, considerata sempre di più un oggetto, una creatura inferiore, nel migliore dei casi da proteggere e compatire nella sua diversità.

La mostra ha l’obiettivo di ricordare come dietro ogni donna si nasconda una mente pensante, capace di determinare da sola il proprio destino, esattamente al pari dell’uomo. Un monito in primis per la donna stessa, che molte volte si consegna in maniera acritica e sconsiderata al proprio carnefice, spesso non riuscendo più a liberarsene. Sarà attivo uno sportello ascolto, gratuito, con la dott.ssa Nancy Priscoglio, psicologa-psicoterapeuta familiare.

La cornice dell’evento è di assoluto prestigio: il restaurato Mastio del castello di Milazzo, inaugurato da pochi giorni.

L’esposizione si protrarrà fino a Domenica 4 Agosto.

L’evento, come detto, fa parte della Notte Rosa, una notte bianca a tema, con eventi ludici, sportivi, culturali ed educativi volti a raccontare il poliedrico mondo femminile.

L’ingresso, dalle ore 19.00, è gratuito.

 

Written by Nino Fazio

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: