Muore la violinista Carlotta Nobile all’età di 24 anni: ci sono battaglie che non abbiamo scelto

Muore la violinista Carlotta Nobile all’età di 24 anni: ci sono battaglie che non abbiamo scelto

Lug 18, 2013

È morta alla tenera età di 24 anni Carlotta Nobile “angelo del violino”. Da tempo era malata di un terribile male (melanoma metastatico). Ieri, mercoledì, si sono svolti i funerali nella Basilica di San Bartolomeo del capoluogo sannita.

Ai genitori Vittorio Nobile e Adelina Lepore, al fratello Matteo e ai familiari stanno giungendo, in queste ore di immenso dolore, la vicinanza e la solidarietà dei tanti amici e rappresentanti delle istituzioni. Ci vogliamo unire anche noi di Oubliette Magazine ricordando un po la vita di questo straordinario angelo.

Dal 2010 era il direttore artistico dell’orchestra da camera dell’Accademia di Santa Sofia. Per l’Accademia di Santa Cecilia e per l’Università “La Sapienza” di Roma ha eseguito in prima assoluta moderna presso il “Musa” all’Auditorium Parco della Musica opere inedite per violino solo e per violino e pianoforte di compositori romani della scuola di Franz Liszt (E. Pinelli, L. Mancinelli), in duo con la pianista Cinzia Merlin. Ha poi eseguito i medesimi pezzi anche presso l’Istituto Franz Liszt di Bologna.

La sua carriera artistica era iniziata giovanissima a soli 17 anni e con il passare del tempo il suo curriculum artistico si è andato arricchendo con vari partecipazioni a livello internazionale.

Carlotta aveva anche pubblicato un libro dal titolo “OXymoron“. Brevemente la trama del libro: “Un ossimoro, un flusso di parole che nascono nel momento in cui si perdono. Una goccia di fuoco in un mare di musica e arte vissute sulla pelle, fra le ciglia, sotto le unghie. Un viaggio attraverso le figure retoriche della nostra anima, materializzate in due lettere scritte per due amori diversi in due diverse età. Sul filo delle lampanti contraddizioni che da sempre si intrecciano in noi con la più agghiacciante integrità.

Una danza dai passi incerti ma fondi, su quel palco che chiamiamo vita. Un racconto dell’auto-educazione all’accoglienza e all’addio, una confessione pronunciata sottovoce a un’amica la cui realtà ed entità in fondo non sono che un dettaglio. Un palindromo che si chiama vita, la cui partenza non è molto distante dall’arrivo, in un cerchio che si apre e ricomincia nell’istante stesso in cui si chiude. Cloe, trent’anni, affermata critica d’arte, curatrice e violoncellista. Anna, età indefinita, professione non svelata. Una casa, il mare d’inverno, due lettere, una confessione”.

Carlotta Nobile è stata anche pubblicista e ha curando la rivista musicale Righe sonore sul Quaderno.it e il periodico Sannita.
Tra le partecipazioni più importanti ricordiamo: nel 2008 violinista nello spettacolo “Carissimo Orco: Omaggio a Giosuè Carducci”. Spettacolo musico-teatrale organizzato dalla Titania Produzioni in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. Regia: Paolo Orlandelli.

È risultata vincitrice del Primo Premio assoluto in numerosi Concorsi Nazionali. È stata vincitrice assoluta del Premio Violinistico “F. Kreisler” di Matera (edizione 2006), il Diploma di “Distinguished Musician” all’International Ibla Grand Prize 2007 e la “Ernest Bloch Special Mention” all’International Ibla Grand Prize 2008. Nel maggio dello stesso anno ha ottenuto il Primo Premio assoluto al Concorso Nazionale “Città di Viterbo”.

Concludo questo triste articolo con le parole di Carlotta: “Ci sono battaglie che non abbiamo scelto. Poi c’è la vita. E io non smetto mai di scegliere”.

 

Written by Rosario Tomarchio

 

 

Info

Sito Carlotta Nobile

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: