È giallo a Manchester: una statuetta egizia di 4 mila anni si muove da sola al museo

È giallo a Manchester: una statuetta egizia di 4 mila anni si muove da sola al museo

Giu 27, 2013

È di questi giorni la notizia, curiosa ed apparentemente inspiegabile, che ha per protagonista una statuina dell’Antico Egitto e per scenario il Museo di Manchester, in Gran Bretagna. Ebbene sì, questa notizia sta imperversando ovunque, perché questa statua lunga 25 cm raffigurante il defunto Neb-Senu e vecchia di 4 mila anni, si muove in modo del tutto misterioso.

La statuetta statica ed immobile per sua stessa definizione, nei giorni scorsi si è spostata apparentemente da sola all’interno dell’espositore che da anni la custodisce. Com’era prevedibile, la notizia è subito balzata sulle principali pagine dei tabloid inglesi e, da lì, è rimbalzata sui siti e sulle tv di mezzo mondo, Italia compresa.

Un video ripreso con la tecnica del timelapse che concentra in pochi istanti intere ore, mostra senza ombra di dubbio il movimento della statuetta in questione.

La scultura che raffigura un uomo chiamato Neb-Senu, morto nel 1800 a.c., dalla posizione frontale ruota su se stessa fino a ritrovarsi di spalle, compiendo un giro di 180 gradi. Le immagini rivelano chiaramente che l’oggetto in pietra serpentino si muove, millimetro dopo millimetro, soltanto di giorno, quando la sala è piena di visitatori.

Di notte, resta immobile. Come se la folla diurna lo infastidisse e desse segni di disagio, mentre la quiete notturna lo tranquillizzasse. Il curatore della mostra, Campbell Price, afferma che lo spostamento è sicuramente autonomo. La statuetta è chiusa in una teca di cui solo lui possiede le chiavi.

Secondo lo studioso il fenomeno si è ripetuto più volte. Egli ha raccontato al quotidiano Manchester Evening News: “Un giorno mi sono accorto che la scultura si era girata sul proprio asse. E il giorno seguente, si era spostata nuovamente! Allora abbiamo messo la telecamera e anche se ad occhio nudo non si riesce a capirlo, nel video velocizzato si vede perfettamente che ruota”.
L’egittologo ha cercato anche di dare una spiegazione al singolare fenomeno.

La piccola scultura era stata posta nella tomba di Neb-Senu accanto alla mummia. Davanti ad essa venivano depositate le offerte destinate al defunto nel suo viaggio verso l’aldilà. Nell’Antico Egitto, si credeva che la statuina raffigurante il morto avrebbe ospitato la sua anima, se la mummia fosse andata distrutta.

Forse è proprio per questo che si muove, secondo Price. È stata permeata dallo spirito inquieto dell’antico trapassato. Mentre inorridiamo e quasi ci rifiutiamo anche solo di prendere in considerazione questa spiegazione assurda, dobbiamo sapere che a formularla è stato proprio il Dottor Campbell Price in persona, egittologo con tanto di laurea appesa alla parete.

Gli scienziati ovviamente non condividono. Per capire come tutto ciò sia possibile è stata chiamata anche una squadra di ricercatori specializzati in vibrazioni. La statuetta si trova all’interno di una vetrina, in fila con altre tre.

Il professor Brian Cox, docente di Fisica all’Università della città inglese, spiega tutto con l’attrito differenziale, che si verifica quando due superfici, in questo caso la pietra della statua ed il vetro su cui poggia, provocano una sottile vibrazione che fa spostare la statua. Ecco perché il fenomeno si verificherebbe solo di giorno, con la sala piena di persone: i loro passi amplificherebbero le vibrazioni.

Ma Price non ne è affatto convinto.La scultura è appoggiata sul vetro da quando è arrivata al museo, 80 anni fa. Ma non si era mai mossa fino ad oggi. E poi perché ruota proprio in un semicerchio perfetto?” si chiede.

La spiegazione di Brian Cox ci appare più plausibile, ma l’osservazione di Price è altrettanto da tenere in considerazione.
L’egittologo ha invitato altri studiosi a farsi avanti, per controllare di persona e trovare una soluzione al mistero. Al momento, una spiegazione convincente non l’ha ancora trovata nessuno.

C’è da scommettere una cosa però, e cioè che oltre agli studiosi si faranno avanti anche migliaia di nuovi visitatori attirati dall’enigma della statuetta magica, e prenderanno d’assalto il Museo di Manchester. Il nostro Museo Egizio di Torino verrà probabilmente oscurato, e ditemi voi, se questa non è pubblicità!

 

Written by Cristina Biolcati

 

http://youtu.be/5CeSfRrXccc

 

One comment

  1. Rosario Tomarchio /

    Il mistero è facilmente risolvibile con un semplice tovagliolo di carta posto sotto la statua di pietra, così facendo il diverso attrito viene a mancare e di conseguenza non avendo più diverso attrito la statua non si dovrebbe più muovere. Tranne che….

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: