“Blood”, film di Nick Murphy: non è il nuovo Mystic River, dal 27 giugno al cinema

“Blood”, film di Nick Murphy: non è il nuovo Mystic River, dal 27 giugno al cinema

Giu 25, 2013

Blood, nelle sale dal 27 giugno, regia di Nick Murphy, è pubblicizzato come “il nuovo Mystic River”.

Beh, non lo è.

Lo ricorda, è vero. C’è una ragazza morta, che è il pretesto per tutta l’azione a seguire, e ci sono tre personaggi maschili legati profondamente (due sono fratelli). L’ambientazione è piovigginosa, o luminosissima e fredda, e gli eventi portano a un finale scontato.

Ma i personaggi sono monodimensionali: Paul Bettany (Joe) è poco credibile nel suo ruolo, risulta odioso sin dalla prima scena, il fatto che commetta un omicidio a inizio film non sorprende lo spettatore, che per tutto il resto della pellicola spererà che suo fratello Chrissie (Stephen Graham, per chi scrive impossibile a vedersi in un ruolo che non sia di Combo di This is England) faccia la spia.

Infine, c’è Mark Strong, che è più adatto ai ruoli da cattivo del tipo Un  poliziotto da happy hour, che è il poliziotto zen. Così zen che diventa paranormale. Scopre la verità con la sola imposizione delle mani.

Il film si trascina lento, tra momenti noiosi e scene isteriche spesso immotivate. La scelta di far apparire il fantasma di Jason Buliegh come oggettivazione della coscienza del suo assassino è più che obsoleta.  William Friedkin era certamente più bravo nel raccontare storie di poliziotti che commettono crimini, e ci sono centinaia di pellicole in cui il rimorso di coscienza viene reso in modo migliore. Qui, per lo più, piangono.

Anche i simboli, le frasi rivelatrici, i parallelismi sono scontati: ad esempio, quando il giovane Sammy tradisce Darrel, lo spettatore subito pensa a Chrissie e a Joe. E si dice: “Mo lo tradisce”.

Quando – sul finale rivelatore – il montaggio incrociato mostra i vari abbracci tra le donne del film e, soprattutto, quando Robert – il poliziotto zen – parla: “È per quelli che riescono a farla franca che mi dispiace” o: “Quando non sei quello che crede la tua famiglia (…) non augurerei a nessuno dio farla franca”, le simmetrie sono chiare come la luce del sole. Un film, insomma, che non intende richiedere il minimo ragionamento allo spettatore.

Altre scelte sono messe in scena talmente malamente da far sorridere: il tatuaggio fatto con il pennarello, o la scena della mattanza i cui sembra sia stato sgozzato un maiale di due quintali.

Alla fine resta un interrogativo: Joe è colpevole perché uccide una persona innocente (e minaccia un uomo con problemi mentali ed emotivi), ma per  Nick Murphy lo sarebbe stato anche se Jason Buliegh fosse stato l’assassino?

 

Written by Silvia Tozzi

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: