Turchia: scoperto il mitologico Cancello dell’Inferno ed i suoi fumi di diossido di carbonio

Turchia: scoperto il mitologico Cancello dell’Inferno ed i suoi fumi di diossido di carbonio

Giu 20, 2013

Gli scienziati hanno scoperto un’antica grotta chiamata Cancello dell’inferno o Cancello di Plutone, descritta, nella mitologia greco-romana, come la via per il mondo degli inferi.

Alcuni archeologi italiani hanno annunciato la scoperta della grotta dopo aver scavato nella Turchia sud-occidentale, secondo Discovery News.

Questo spazio è pieno di un vapore così nebbioso e denso che si può a mala pena vedere la terra. Ogni animale che vi passa dentro incontra una morte immediata”, scrisse il geografo greco Strabone, che visse circa dal 64 a.C. al 24 d.C., secondo Discovery.

Vi ho tirato dentro dei passeri e immediatamente hanno tirato il loro ultimo respiro e sono caduti“, aggiunse.

Cicerone, il famoso storico, parlò anch’egli della caverna, apparentemente situata nell’antica città di Hierapolis.

L’archeologo Francesco D’Andria ha detto di aver indagato su Hierapolis per anni. La sua squadra ha scoperto la caverna ricostruendo il percorso di una sorgente termale.

D’Andria ha detto di aver trovato all’interno le rovine di gradini, di una piscina e di un tempio.

Abbiamo potuto assistere alle proprietà letali della caverna, durante gli scavi – afferma D’Andria – Molti uccelli sono morti quando hanno cercato di avvicinarsi alla calda apertura, uccisi istantaneamente dai fumi di diossido di carbonio”.

Ha aggiunto: “Le persone potevano assistere ai riti sacri da questi gradini, ma non potevano avvicinarsi alla zona vicina all’apertura. Solo i sacerdoti potevano stare di fronte al portale“, secondo Discovery.

Nel VI secolo d.C., i primi Cristiani distrussero il Cancello di Plutone. Anche dei terremoti successivi potrebbero aver contribuito al danno.

D’Andria ha detto di aver sentito parlare del Cancello di Plutone dopo aver studiato l’abbondante letteratura di quel periodo, secondo l’Ansa.

“Secondo i racconti dei viaggiatori dell’epoca, i tori venivano sacrificati a Plutone davanti ai pellegrini nel Plutonium. Gli animali erano condotti dai sacerdoti davanti all’ingresso di una grotta da dove usciva un fumo mefitico e lì morivano soffocati”, scrive l’Ansa.

 

Fonte

Epochtimes

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: