Nasce la Brigata Rossa: le donne pattugliano le strade dell’India per prevenire gli stupri

Nasce la Brigata Rossa: le donne pattugliano le strade dell’India per prevenire gli stupri

Giu 1, 2013

Negli ultimi tempi abbiamo spesso sentire parlare dell’India nell’ambito delle violenze subite dalle donne in varie parti del Paese ma pare che ora le donne indiane abbiano deciso di riunirsi e creare dei gruppi per difendersi in modo autonomo dai soprusi maschili.

Stiamo parlando della “Red Brigade, la brigata delle donne indiane che vigila contro le violenze nei confronti della donne.

Questo gruppo è  nato durante i primi mesi del 2013 a Lucknow, capoluogo dell’omonimo distretto nello Stato federato dell’Uttar Pradesh, situato nel nord-est dell’India.

Il gruppo di donne si occupa di organizzare vere e proprie ronde nel territorio da loro abitato e quando si trovano davanti ad un tentativo di violenza ed al relativo stupratore, questo viene punito con pene corporali: immediatamente l’uomo viene circondato dalle donne della brigata che lo sollevano da terra ed una volta mostrato alla gente viene riportato giù e di frequente questo viene preso a pugni da coloro che si trovano nel luogo in quel momento.

Il progetto è nato per opera di Usha Vishwakarma, un’insegnante di 25 anni che all’età di 18 anni subì un tentativo di violenza sessuale da parte di un collega. La ragazza si salvò grazie all’aderenza dei jeans e alla prontezza nel tirare un calcio nell’inguine dell’attentatore.

Ma la brutta esperienza non venne certamente dimenticata e seppur tentò di denunciare l’accaduto all’interno della scuola Usha non venne creduta e ricevette il consiglio di tenere la bocca chiusa per non creare ulteriori problemi. Ma l’insegnate non volle lasciar perdere e decise così di costruire una sua scuola nel giardino di casa sua e qui venne a conoscenza del fatto che non era chiaramente l’unica donna ad aver avuto esperienze di questo genere.

Poi il 29 dicembre 2012 una ragazza di 23 anni venne picchiata a morte su un bus della capitale e questa fu la goccia che fece traboccare il vaso. Usha decise di fondare le Brigate Rosse per non dover più stare ad osservare inermi notizie di questo tipo, rosso come il sangue versato dalle donne e rosso come la rabbia delle donne che si sono unite ad Usha.

E per questo motivo il 29 di ogni mese le ragazze della brigata manifestano per la strada in ricordo della povera ragazza morta meno di un anno fa.

La Red Brigade aumenta il suo numero di componenti di giorno in giorno e si comincia a parlarne in ogni parte del mondo. Persino dall’Australia sono giunti fino a Lucknow per girare un documentario sulle coraggiose ragazze indiane.

Le proteste delle brigata si diffondo in un’India in cui le donne rivendicano sempre di più i loro diritti e la loro indipendenza.

Inoltre in questi giorni si tiene un significativo evento dal titolo “Self Defence and against Sexual violence workshop”. Dal 30 maggio al 7 giugno le donne della brigata hanno la possibilità di imparare e migliorare le tecniche di autodifesa in caso di tentativi di violenza sessuale. Un ulteriore modo per prepararsi ad ogni evenienza.

La speranza è che sempre più donne decidano di entrare a far parte di questo gruppo e che anche in altre parti del mondo prendano esempio da loro e che le violenze sulle donne possano finalmente cessare.

 

Written by Rebecca Mais

 

http://youtu.be/WtCkWsyR1OA

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: