XXVI edizione del Time in Jazz, dall’8 al 16 agosto 2013, Berchidda

XXVI edizione del Time in Jazz, dall’8 al 16 agosto 2013, Berchidda

mag 29, 2013

Dall’8 al 16 agosto a Berchidda ed altri centri del nord Sardegna, l’edizione numero ventisei del festival internazionale Time in Jazz. Tra i protagonisti Joshua Redman, Django Bates, Jaques Morelenbaum, Ludovico Einaudi, Medeski Martin & Wood. Ed il 17 e 18 agosto la musica prosegue con la settima rassegna Time in Sassari.

Dall’8 al 16 agosto ritorna, puntuale come ogni estate, Time in Jazz, il festival fondato nel 1988 e diretto da Paolo Fresu nel suo paese natale, Berchidda (in provincia di Olbia-Tempio), quest’anno al traguardo della ventiseiesima edizione. Un’edizione che, completato (l’anno scorso) il ciclo quadriennale dedicato ai quattro elementi naturali (aria, acqua, terra e fuoco), sceglie come titolo e tema caratterizzante Il Quinto Elemento.

Un tema apparentemente labile e misterioso” che “tocca religione e filosofia, medicina e psicologia ma anche chimica, astrologia e pensiero offrendoci spunti interessanti per divagare intorno al tema attraverso la musica e l’arte“, come spiega Fresu nelle sue note di presentazione.

L’impianto del festival è quello consueto, e prevede ancora una volta una settimana con tanta musica (e non solo), da vivere in luoghi e contesti differenti. Berchidda, naturalmente, resta il centro del circuito di concerti che quest’anno farà tappa in dodici centri diversi del nord Sardegna: Ardara, Budoni, Calangianus, Chiaramonti, Ittireddu, Mores, Ozieri, Pattada, Posada, Telti, Tula, Tempio Pausania.

Un circuito che vedrà scendere “in pista” musicisti internazionali del calibro di Joshua RedmanDjango BatesJaques Morelenbaum, il trio Medeski Martin & Wood, il coro A Filetta, gli italiani Ludovico EinaudiPetrinaDaniele Di BonaventuraMauro OttoliniTino Tracanna, i percussionisti del Parco della Musica Contemporanea Ensemble, oltre ai sardi Salvatore MaioreFrancesca CorriasPeo Alfonsila Funky Jazz Orchestra, la Banda Musicale “Bernardo De Muro” di Berchidda e lo stesso Paolo Fresu.

A giochi conclusi, anche quest’anno – ed è il settimo consecutivo – Time in Jazz passerà poi il testimone al suo “prolungamento” nel Sassarese: il 17 e 18 agosto ritorna infatti la rassegna Time in Sassari, che oltre al capoluogo turritano, andrà a far visita a CheremuleOsiloPloaghe e Sorso.

Più di trenta concerti, vari appuntamenti collaterali, oltre al consueto apparato di mostre, performance ed eventi espositivi del P.A.V., il Progetto Arti Visive curato da Giannella Demuro ed Antonello Fresu, l’altrettanto immancabile rassegna di film e documentari curata dal regista Gianfranco Cabiddu, e l’ormai abituale serie di iniziative di promozione e sensibilizzazione ambientale del programma Green Jazz: così l’associazione culturale Time in Jazz allestisce ancora una volta un fitto cartellone, reso possibile grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Direzione Generale per lo Spettacolo dal vivo), della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, e Assessorato del Turismo), della Fondazione Banco di Sardegna, del Comune di Berchidda, dell’Unione Europea, della Comunità Montana del Monte Acuto e dei Comuni di Ardara, BudoniCalangianusCheremule,ChiaramontiIttiredduMoresOsiloOzieriPattada, Ploaghe PosadaSassariSorsoTeltiTempio PausaniaTula, con la partecipazione di Ente Foreste della SardegnaBanco di SardegnaCorsica Ferries – Sardinia FerriesAgenzia Laore Sardegna, IchnusaGeasarClarin Italia, Jazz Hotel,Secauto, associazione culturale Boghes de CheremuleA.S.CU.N.A.S., Ente Musicale di Nuoro I-Jazz.

Per tutti gli spettacoli a pagamento il biglietto intero in platea costa 23 euro, il ridotto 20 (più 2 euro di diritti di prevendita); 60 euro è invece il prezzo dell’abbonamento intero per le quattro serate (12, 13, 14- e 15 agosto)ridotto a 50 (più 3 euro di diritti di prevendita). Per i posti in tribuna non sono previsti abbonamenti ma solo biglietti a 18 (intero) e 15 euro (ridotto).

Per la serata di Ferragosto l’ingresso costa quasi la metà: il biglietto (13 e 11 euro in platea, 11 e 9 in tribuna, più 2 euro di prevendita) si paga infatti solo per il primo dei due concerti in programma (Django Bates’ Belovèd), mentre la festa finale (con i Sousaphonix di Mauro Ottolini e la Funky Jazz Orchestra) sarà, come di consueto, a ingresso gratuito.

Le riduzioni saranno applicate a soci, studenti, adulti oltre 65 anni, bambini sotto i 12 anni, disabili, Carta Giovani, Jazzit Card, soci TCI, Sconto in Conto.

 

Info

Prevendita 

Time in Jazz sito

 

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: