Bergamo, Zapatos Rojos e Confianza: Piazza Vecchia in rosso contro la violenza sulle donne

Bergamo, Zapatos Rojos e Confianza: Piazza Vecchia in rosso contro la violenza sulle donne

Mag 15, 2013

Bergamo, Città Alta. Piazza vecchia si ammanta di scarpe rosse, rosse come il sangue versato dalle donne innocenti di ogni parte del mondo che in loro ricordo hanno lasciato solamente un paio di scarpe ormai vuote.

Zapatos Rojos e Confianza. Fate questo in memoria di noi.” Questo il nome del progetto con il quale l’artista messicana Elina Chauvet sta girando il mondo.

Dopo Messico, Texas e Argentina è approdata nelle piazze italiane e dal 12 al 15 maggio è stato possibile ammirare l’installazione del suo progetto nella splendida Piazza Vecchia in Città Alta a Bergamo, davanti al Duomo e al Palazzo della Ragione e all’imponente Biblioteca Angelo Mai.

Zapatos Rojos è stato creato a Ciudad Juárez, città tra Messico e Stati Uniti dove dal 1993 ad oggi sono sparite centinaia di donne senza che nessun colpevole venisse punito.

Nel 2009 Elina Chauvet ha raccolto, con l’ausilio di amiche e conoscenti, 33 paia di scarpe rosse che ha posizionato nelle strade della città come simbolo di una marcia di protesta di e per le donne scomparse e mai tornate a casa.

Scarpe senza proprietario che avanzano solitarie, con la speranza di giustizia, una marcia di solidarietà, di dolore e condivisione del problema che sempre più affligge il mondo.

E di città in città le scarpe aumentano perché a portarne di nuove sono coloro che queste piazze le abitano, i cittadini, uomini e donne che, consapevoli delle violenze che quotidianamente vengono perpetrate sulle donne, mostrano in questo modo la loro solidarietà e il loro desiderio di poter cambiare tutto ciò con un piccolo gesto condiviso dai cittadini di tutto il mondo.

Chiunque può portare in piazza le proprie scarpe e dipingerle di rosso, rosso come le violenze che avvengono ogni giorno ed in ogni parte del mondo, rosso come il sangue, rosso come la disperazione di quelle donne che non sono in grado di difendersi dai proprio aguzzini.

A Zapatos Rojos è unito il progetto itinerante Confianza, nato in memoria dell’artista italiana Pippa Bacca (pseudonimo di Giuseppina Pasqualino di Marineo) morta nel 2008 a Gezbe, una città della Turchia.

Pippa si occupava di arte performativa e aveva intrapreso, l’8 marzo 2008, un percorso itinerante, in compagnia dell’artista Silvia Moro, dal nome “Spose in viaggio” che sarebbe dovuto transitare in 11 Paesi protagonisti di conflitti armati per giungere infine a Gerusalemme.

Vestendo un auto da sposa avrebbero dovuto viaggiare in autostop portando un messaggio di pace e di fiducia nel prossimo. Dopo aver attraversato Slovenia, Croazia, Bosnia e Bulgaria le due donne giunsero in Turchia.

Ad Istanbul Pippa si separò però dalla compagnia con la quale si sarebbe dovuta riunire a Beirut e qui accettò il passaggio dalla persona sbagliata. Il 31 marzo 2008 un trentottenne turco violentò ed uccise Pippa e il suo corpo venne ritrovato solamente l’11 aprile.

Per Pippa e per tutte le donne che ha visto morire e scomparire, Elina Chauvet porta avanti con decisione e speranza questo suo progetto dal profondo impatto emotivo.

Per non dimenticare, per far comprendere quali difficili circostanze si trovino a vivere le donne del mondo e per cancellare le voci di coloro che ancora oggi negano la parola FEMMINICIDIO.

 

Written and photos by Rebecca Mais

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: