Luke Evans, il nuovo Corvo – Brandon Lee, la verità sulla sua morte

Luke Evans, il nuovo Corvo – Brandon Lee, la verità sulla sua morte

Mag 10, 2013

Il Corvo di Alex Proyas, adattamento cinematografico dell’omonimo fumetto di James O’Barr girato nel 1994, è diventato un cult grazie ad una storia coinvolgente, un interprete azzeccato e, soprattutto, alla fama di film maledetto.

La pellicola infatti, è tristemente famosa per essere l’ultima interpretata da Brandon Lee, figlio del celebre campione di arti marziali e attore Bruce Lee, morto proprio durante le riprese, a soli 28 anni.

Una morte terribile ed avvolta nel mistero, causata da una pistola utilizzata sul set e non debitamente caricata a salve.

Visto il clamoroso successo del film, sono stati girati diversi rifacimenti che in breve tempo sono finiti nel dimenticatoio, mancando di quel particolare carisma che ha caratterizzato il loro originario protagonista. A Hollywood però c’è ancora chi punta su questo film, ed ha messo quindi in cantiere un nuovo sequel.

L’attenzione dei media era puntata sulla scelta dell’attore designato, nuovo interprete de Il Corvo, che, visto i trascorsi accadimenti, avrebbe dovuto essere anche persona non superstiziosa.

La parte l’ha avuta Luke Evans, l’attore gallese conosciuto al grande pubblico per aver recitato nel Robin Hood di Ridley Scott ed in Fast and Furious 6. Per permettere la promozione proprio del sesto capitolo sulle avventure delle macchine super veloci, l’inizio delle riprese è stato posticipato. Il ruolo era stato proposto a Tom Hiddleston e Bradley Cooper, che per motivi diversi hanno rifiutato. Le riprese avranno inizio nel 2014, anno impegnativo per Luke Evans che sarà presente sul grande schermo con Dracula, ennesima versione tratta dal romanzo di Bram Stoker.

Anche il fumetto di James O’Barr da cui è tratto il film, ebbe fama di storia maledetta che da sempre avvolge Il Corvo, in qualunque formato venga proposto. O’Barr infatti non è mai riuscito a staccarsi completamente dalla sua creatura più famosa. Gli altri fumetti che ha prodotto e continua a produrre non hanno nemmeno sfiorato la popolarità de Il Corvo, finendo inesorabilmente dimenticati.
Sulla morte di Brandon Lee molte cose si sono dette, teorie e storie che hanno contribuito ad alimentare la leggenda metropolitana secondo cui l’attore rimase ucciso in una scena che venne lasciata nella versione definitiva della pellicola The Crow.

Dichiarazioni recenti del regista Alex Proyas, sfatano questo mito. Ogni volta che si guarda il film, verso la fine, nella scena della sparatoria generale, c’è sempre qualcuno che esclama “ecco, questa è la scena dove Brandon Lee è rimasto ucciso”. Invece è falso.
Brandon Lee morì mentre stava girando Il Corvo, ma la scena dove rimase ferito venne tolta dalla versione definitiva del film. Vediamo quindi com’è andata esattamente.

Era il 31 marzo del 1993, quando negli studi di Los Angeles, dopo due mesi di lavorazione e ad otto giorni dalla conclusione de Il Corvo, venne girata la scena mortale in cui Eric Draven (Brandon Lee) entrando nel suo appartamento con la spesa viene aggredito da alcuni malfattori e colpito con un colpo di pistola da Funboy (l’attore Micheal Masee). Il colpo era a salve, ma in canna era rimasto il frammento di un’altra cartuccia sparata in una delle riprese precedenti.

Morte accidentale, quindi, e non addirittura omicidio, come si era ipotizzato, arrivando anche a sospettare che il proiettile a salve fosse stato sostituito da uno vero. La scena fu ripresa anche da un’altra telecamera laterale, dove si sarebbe dovuta vedere molto più chiaramente, ma quel nastro non è mai stato ritrovato.

Il regista, Alex Proyas, dichiarò : “Lo vidi crollare a terra, con un lamento, il foro del proiettile mi parve perfettamente simulato e il sangue era forse fin troppo abbondante, ma nel complesso la scena era riuscita a meraviglia e dopo aver gridato stop dissi che ne avremmo girata un’altra, più che altro per sicurezza”. Peccato che sul set tutti si mossero per girare la nuova scena e Brandon Lee rimase disteso al suolo, immobile.

Visto che non si muoveva, mi avvicinai a lui – ricorda il regista- notai che la macchia di sangue continuava ad allargarsi. Mi chinai, toccai con il dito quel liquido. Era tiepido e denso, come sangue… sangue vero… sul set cadde un silenzio di morte. La prima persona a capire fu Eliza Hutton, fidanzata di Brandon, che faceva parte del cast come assistente alla produzione. Lanciò un urlo e si precipitò verso Brandon, mentre io mi rendevo conto che respirava debolmente e che le sue condizioni dovevano essere gravi”.

Brandon Lee venne trasportato d’urgenza al più vicino ospedale. I medici trovarono un corpo metallico nello stomaco, che gli aveva provocato la ferita mortale. Il giovane attore morì di lì a poco e la morte fu dichiarata accidentale. Il film fu terminato utilizzando la tecnica digitale ed alcune scene furono interpretate da un sosia, di fatto, non c’è nessuna sequenza in cui si vede Brandon Lee entrare nel suo appartamento con la spesa.

L’attore fu sepolto vicino alla tomba del padre Bruce Lee, e ne condivide il triste destino di essere morto giovane. Brandon avrebbe dovuto sposare Eliza Hutton subito dopo la conclusione delle riprese del film “maledetto”. Ed ecco giustificata la dedica finale “For Brandon and Eliza”.
Non rimane che augurare buona fortuna alla nuova versione del film e soprattutto a Luke Evans. Del resto, “Non può piovere per sempre!”.

 

Written by Cristina Biolcati

 

 

 

8 comments

  1. Io dico che e stato un omicidio e non un incidente x me brandon mi piaceva anke se doveva sposarsi con una bella ragazzavio ho pianto molto quando ho scoperto che in fondo era vero che brandon non ci fosse più. Love you brandon lee

  2. Io ho anche memorizzato la sua memoria della sua morte cioè il suo anniversario della sua morte singh

  3. Cristina Biocati /

    Hai ragione Milly, talvolta ai personaggi del cinema o della tv ci si affeziona come fossero di famiglia.
    Questa è stata una grande tragedia. La morte di un ragazzo giovane, nel fiore degli anni, rattrista nel profondo.
    Sebbene siano passati tanti anni, sono certa che Brandon Lee sia rimasto nel cuore di tutti.
    Un caro saluto.

  4. Umberto /

    Quando si fanno film e gli attori maneggiano armi da fuoco devono
    essere presenti i maestri d’armi che hanno il compito
    di controllare le armi da fuoco in questo film invece il maestro d’armi e’ stato mandato ha casa invece di stare sul set dove si
    svolgeva la scena.

  5. Stefano /

    Una grande perdita, spiace tanto perchè molto giovane. Però Umberto, “a casa” si scrive senza “h”…mammma mia

    • I misteri della lingua italiana. Ormai è diventata astrattismo. :)

      • Stefano /

        Già. Notare come mi sia sfuggita una “m” in più nella parola “mamma”…che figura :)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: