Squalo preistorico filmato in Giappone: è stupore

Squalo preistorico filmato in Giappone: è stupore

Apr 23, 2013

Se si dovesse mai avere l’opportunità di vedere nuotare in prossimità della superficie uno squalo serpente, si rimarrebbe davvero impressionati, poiché, nel suo aspetto, egli ricorda un mostro preistorico.

Di forma allungata, può raggiungere tranquillamente una lunghezza di due metri. La testa è simile a quella di un’anguilla, ma ha forti mascelle e denti molto affilati. Questi ultimi, sono piatti e, ciascuno di essi, termina con tre punte. Il colore é bruno nerastro, le pinne pettorali sembrano pagaie, le pinne anali e quella dorsale sono arretrate.

La coda è a forma di lancia, insomma, così diverso da altri squali, potrebbe essere all’origine di segnalazioni ed avvistamenti di anguille giganti o altri tipi di mostri marini. Il suo nome è Chlamidoselachus Anguinus, e in Italia è noto come Squalo Frangiato o Squalo del collare. Per la prima volta è stato identificato nel 1884, ma rimane una delle specie meno conosciute della sua famiglia, in quanto estremamente raro e difficilmente visibile a profondità inferiori ai 120 metri.

Per la prima volta è stato filmato il 26 agosto del 2004 a 875 metri di profondità. Le prime riprese ravvicinate sono però del 23 gennaio 2007, nel parco marino di Shizuoka, a sud di Tokyo, dove è stato immortalato un esemplare femmina della lunghezza di 1,60 m che, malato e sofferente, é purtroppo deceduto dopo poche ore. Lo squalo nuotava tranquillo, almeno in apparenza, in realtà doveva essere salito dalle profondità per una qualche condizione di disagio.

Agli esperti tale disagio non è sfuggito, ed infatti, per la povera bestia non vi è stato nulla da fare.

Prima di questa scoperta in acque giapponesi, si riteneva che questo tipo di pesce potesse essere estinto come altri appartenenti alla specie, di cui sono stati ritrovati soltanto resti fossili. Di questo squalo si conoscono due sottospecie, quella giapponese e quella sudafricana, per le quali è stata proposta recentemente la creazione di un nuovo ordine, quello dei Clamidoselaciformi. Considerato un vero e proprio fossile vivente, l’animale risalirebbe al Cretacico medio superiore, cioè addirittura a circa 80 milioni di anni fa, mantenendo fede alla specie, quella degli squaliformi, che si sa, essere per definizione, fra le più antiche.

Abita in tutti i mari del mondo, anche se, come dicevamo, è molto difficile vederlo, poiché vive a profondità elevate, dai 500 ai 1300 metri. Catturato e avvistato in Norvegia, in Giappone, California e in Cile, da quei pescherecci che gettano in profondità le loro reti. Nonostante l’aspetto sinistro, egli utilizza i suoi denti affilati per cibarsi di altri squali, pesci e calamari.

È oviviparo, cioè la femmina trattiene nel suo corpo le uova fino alla schiusa, e i piccoli escono già perfettamente formati. La gestazione di questa specie è una delle più lunghe del mondo animale e raggiunge i tre anni e mezzo. Ragione per cui, le catture mettono in pericolo la conservazione della specie.

Il filmato del Giappone ci ha permesso di conoscere un curioso animale, la cui specie è in pericolo di estinzione, e di compiere un “salto nella preistoria”. Una giusta informazione, ed il dovuto rispetto nei confronti di questa magnifica creatura, speriamo portino presto alla tutela della specie.

 

Written by Cristina Biolcati

 

3 comments

  1. Ha la pinna simile alla foca o mi sbaglio?

    • Le foche, essendo mammiferi di origine terrestre, discendenti probabilmente dalle primitive lontre, hanno dovuto adattarsi alla dura vita acquatica. I loro arti si sono trasformati quindi in pinne. Lo squalo serpente, invece, mantiene la forma della coda tipica della sua specie (squaliformi), e nuota come fanno gli squali, agitando la coda. La pinna caudale é molto allungata, ed é posta in corrispondenza della pinna anale. E’ composta da una sola membrana a forma di lancia, che manca della tacca terminale. In parole semplici, la foca utilizza la coda per “pinnare”, con lenti movimenti dall’alto al basso, mentre lo squalo serpente o squalo frangiato, muove la coda come un normale pesce, con movimenti destra-sinistra, serpentiformi. Ha coda piccola, compatta, da pesce. Ho visto il video dell’esemplare ritrovato in Giappone, e l’impressione che ho avuto é stata di vedere nuotare una grossa anguilla con la testa di mostro preistorico. Animale molto affascinante, comunque. Che ci porta indietro nel tempo. Spero di esserti stata utile, Carmelo. Grazie per il tuo interessamento. Ciao.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: