“Claustrofobikronico”, videoclip dell’album “L’amore è un precario” della band Uross

“Claustrofobikronico”, videoclip dell’album “L’amore è un precario” della band Uross

Mar 29, 2013

Quello del cantautore pugliese è un progetto musicale in un IMperfetto stile cantautorale. Mischia rock, pop, blues folk in una miscela che per autodefinizione chiameremo BASTARDMUSIC.

 

Claustrofobikronico, dell’albumL’amore è un precarioè la canzone pop-radio di Uross, da cui trarre un video quasi No-Sense, è espressione di una banale Risonanza magnetica,  scintilla che accende il fuoco latente di una claustrofobia fisico-mentale.

Lo scorrere fluido e lineare la rendono una sorta di via di fuga dalle circostanze che costringono l’essere umano nel suo posto senza possibilità di sconfinare mai, o quasi mai. Più che una canzone, una seduta d’analisi. 

“L’amore è un precario”, il sentimento origine e fine di tutto, tenuto in piedi dal punto interrogativo a misura degli Dei.

Non è un disco d’amore, almeno non nel senso più stretto dell’accezione italian-canzonesca-musicale.

Ad esempio la stessa parola Amore, oltre che nel titolo dell’album, viene “spesa” solo una volta, due se si considera la cover, ma la cosa non è affatto il risultato di una volontà, piuttosto invece  di uno sbaglio… proprio come a volte l’amore si manifesta.

11 tracce di cui un omaggio a Rino Gaetano in una delle sue canzoni più popolari ma reinterpretata in modo molto personale.

Anche questa è stata solo un caso.

L’ambientazione generale del sound si perde tra i grandi spazi pianeggianti a metà strada tra Puglia ed America, ma potrebbe essere anche steppa siberiana ( a tratti).

Echi di film e libri mai terminati, restano ad aspettare che qualcuno li legga fino alla fine…ma tranquilli, niente d’intellettuale.

 

 

Info

Uross

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: