Inaugurazione della mostra “Land Cycle” di Filippo Armellin, dal 21 marzo al 25 maggio 2013, Milano

L’inaugurazione della mostra “Land Cycle”  di Filippo Armellin è il 21 marzo 2013, e la mostra sarà visitabile da tale giornata sino al 25 maggio 2013 presso la galleria The Flat di Massimo Carasi in via Paolo Frisi 3 a Milano.

 

Nel mito di Caino ed Abele i due fratelli rappresentano simbolicamente due diversi modi di vivere: uno temporale l’altro spaziale. Noi viviamo la condizione metaforica di Caino e del suo fratricidio.

Viviamo un’epoca in cui il tempo annulla lo spazio.  Abele infatti rappresenta il principio dello spazio in continua espansione in cui niente è duraturo, dove non c’e possibilità  di artificio umano e nessuna possibilità sistematica di sfruttamento industriale  delle risorse. Con l’uccisione simbolica di Abele, gli uomini iniziano a dare preminenza al tempo, sviluppando una cultura nella quale la vita è organizzata e ristretta in frammenti infiniti, stagioni e cicli. Lo spazio invece è ridotto di importanza  e considerato una semplice risorsa.

Partendo da queste idee  ho deciso di produrre immagini di spazi fatti di terre cieli e mari: questi sono gli elementi basilari che ci mancano oggi e per tale ragione essi sono divenuti i più espressivi. Guardando le opere,  l’interpretazione si impernia attorno all’ambiguità tra la percezione di un paesaggio reale o di una visione. Esplorando la capacità della fotografia di distorcere ciò che essa riproduce,  Land Cycles si colloca tra la realtà e la finzione gettando uno sguardo sull’età dell’oro.

Filippo Armellin ( 1982)  vive e lavora a Milano. Nel 2007 Dopo aver conseguito la Laurea Specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia si trasferisce per due anni a Roma facendo l’assistente per l’artista concettuale Joseph Kosuth. Durante questo periodo collabora per la progettazione e produzione di diverse mostre internazionali con enti quali: la Biennale di Venezia, i Musei Capitolini di Roma, La Casa Encendida di Madrid, El Centro Arte Atlantica e Moderna di Las Palmas (Canarie). Nel 2010 consegue il diploma di fotografo a Milano presso  l’istituto di formazione R. Bauer ed assiste per un breve periodo il fotografo G. Toja.

Selected Show:

2013 Land Cycles, The Flat – Massimo Carasi, Milano, Italia. / 2012 dOCUMENTA (13), Francesco Bertele, La Casa mondano. Un archivio ispirato da Donna Haraway scritti sulla multi-specie di co-evoluzione compilato e presentato da Tue Greenfort, Kassel, Germania. / 2011 Abitare il Tempo, Giulio Capellini Studio, Verona, Italia. / 2008 Group Show, a cura di Antonio Muntadas, Palazzo delle Terese, Venezia, Italia. / 2007 La città e il suo doppio, a cura di Lewis Baltz ed Antonello Frongia, Fondazione Bevilacqua la Masa, Venezia, Italia.

 

Info

Massimo Carasi 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: