In uscita: “Non aprite quella porta 3D”, horror di John Muessenhop: indossava una faccia!

In uscita: “Non aprite quella porta 3D”, horror di John Muessenhop: indossava una faccia!

Feb 27, 2013

Nel 2012, Heater scopre di essere stata sottratta alla sua vera famiglia e di aver ereditato una gigantesca villa dalla nonna. Si reca a vedere la magione assieme al fidanzato, alla sua migliore amica  (zoccola) ed al fidanzato di lei, raccogliendo un autostoppista per strada.

È la casa di Leatherface, che viene liberato dallo scantinato e fa i prevedibili sfracelli.

Attenzione però, su 90′ di film solo una decina di minuti sono di gore, per il resto del tempo si chiacchiera, perché la pellicola (girata in un inutilissimo 3D che serve solo a conferire profondità alle stanze: potete tranquillamente vederlo senza occhiali) vuole trattare di come il vero nemico sia l’uomo, e non il mostro.

Peccato che John Luessenhop non sia George Romero. Nulla a che vedere con il film del ’74 di Tobe Hooper, che, d’altro canto non è tenuto in alcuna considerazione. Infatti, se lo fosse, Heater non avrebbe vent’anni ma quasi 40 (essendo nata nel ’74 ed essendo il film ambientato nel 2012).

Ma non solo: la famiglia Sawyer è composta da personaggi a caso, mai visti nel film originale, tra cui quattro uomini di mezza età (che non sono, sia chiaro, il nonno paralitico), una giovane donna, due bambini, nessuna Ma’, nessuno sceriffo.

Anche stilisticamente non vi è continuità: se il film di Tobe Hooper, come il remake e il prequel, era sporco, cattivo, sanguinario, unto e visivamente disgustoso, quello di Luessenhop è patinato ed elegante (ridicolo il soffermarsi sull’armadillo morto per strada, se detto armadillo non solo non è spiaccicato e sanguinante, ma se è evidentemente di plastica!).

Newt, che ricordavamo nell’originale come due case sporche e cascanti, è elegante, con piste ciclabili in pavè e aiuole con fiorellini.

La catacomba di Leatherface è da non perdere: pulita, scintillante, quasi sbriluccicante da tanto è immacolata. Altre amenità: lo sceriffo che per due volte in quasi quarant’anni assiste inerme mentre attorno a lui pazzi si fanno giustizia da soli; poliziotti in missione contro pazzi con la motosega da soli; suddetti pazzi con la motosega in fuga perché hanno incontrato un agente con la pistola; lo sceriffo che da solo va a prendere Leatherface che ha ammazzato una mezza dozzina di persone.

Da vedere l’inseguimento di Heater da parte di Leatherface in mezzo al Luna Park (e lui non ha occhi che per lei); il momento, inspiegabile, in cui la camicetta di Heater si apre sul seno, non mostrandolo però mai (provvidenziale scotch sui capezzoli: realistico!); la maschera da Scrondo che  Leatherface si cuce addosso, ma con solo due punti e croce attorno alla bocca; l’italiano della matrigna di Heater (“Siamo quelli che ti abbiamo cresciuta!”, e complimenti al traduttore); l’evidente anzianità di Leatherface, con i capelli bianchi attorno alle orecchie e il cranio pelato; il sindaco che segue le gesta del poliziotto in casa Sawyer con il videotelefono; il tizio tagliato in due con la sega elettrica, le cui budella restano discretamente all’interno del corpo; il fatto che in “Non aprite quella porta 3D” la Bibbia si fermi evidentemente prima dei Vangeli.

 

Written by Silvia Tozzi

 

http://youtu.be/_67Z7VibQ7k

 

2 comments

  1. Bella recensione e direi che se mai avessi avuto la voglia di vederlo, ora non l’ho più. Purtroppo raramente riescono ad ottenere qualcosa di decente riprendendo vecchi film che hanno fatto la storia del cinema.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: