“Memorie di una Geisha”, fortunatissimo romanzo di Arthur Golden – recensione di Benedetta De Bonis

“Memorie di una Geisha”, fortunatissimo romanzo di Arthur Golden – recensione di Benedetta De Bonis

Gen 12, 2013

Non diventiamo geishe per perseguire il nostro destino, diventiamo geishe perché non abbiamo altra scelta.”

 

 

Memorie di una geisha (Memoirs of a Geisha) è un romanzo dello scrittore statunitense Arthur Golden, pubblicato nel 1997.

Non avrei mai detto o pensato quanto misteriosa ed imprevedibile poteva esser l’aura che circondava l’esistenza di una geisha.

Non era per lei (come sottolinea il libro) provare sentimenti od avere desideri. La geisha era un’artista che fluttuava,danzava nel mondo e lo intratteneva.

Il resto era ombra, era segreto.

La protagonista è Sayuri, prenderà questo nome dopo esser stata prima di tutto Chiyo, una bambina venduta dal proprio padre ad una Okiya (abitazione “familiare” di geishe) dove viene educata rigidamente, costretta a frequentare una scuola per conoscere l’arte della danza, apprendere la cerimonia del thè e il portamento che una vera geisha è tenuta a tenere.

Nella sua Okiya però c’è un’altra ragazza più grande di nome Hatsumomo, già geisha famosa, che notando le potenzialità della ormai cresciuta Chiyo teme per il proprio futuro. Inizia così la rivalità.
Sayuri però ha un unico scopo per alleggerire il peso del destino che le hanno imposto, incontrare il direttore generale.

Un uomo che anni prima era stato così gentile con lei, l’unico a porle un po’ di cortesia ed a offrirle qualche moneta.

E da quell’istante la piccola Chiyo giurò a se stessa che sarebbe diventata la geisha privata di quel direttore generale. Sarà proprio quest’ultimo che le cambierà il corso degli eventi indicandole una via d’uscita, nonostante la Seconda guerra mondiale che da li a poco avrebbe messo in ginocchio l’intero paese.

Nel romanzo Sayuri racconta il tutto con una saggezza di chi ormai ha percorso gran parte della sua vita. Mentre Arthur Golden con la sua trama precisa ci permette di entrare e conoscere un universo ormai scomparso, rendendoci partecipi delle numerose tradizioni giapponesi cosi diverse dalle nostre.

Lo consiglio? …sì! Termino riportando una frase del romanzo che secondo me racchiude il tutto.

Non diventiamo geishe per perseguire il nostro destino, diventiamo geishe perché non abbiamo altra scelta.”

 

Written by Benedetta De Bonis

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: