Manifestazione nazionale per un circo senza animali, 1 dicembre 2012, Roma

Manifestazione nazionale per un circo senza animali, 1 dicembre 2012, Roma

Nov 30, 2012

Aiutaci a salvare gli animali dal circo. Le tue scelte possono fare la differenza. Non frequentare i circhi con animali. Non pensare al circo come a un’esperienza educativa. – Lav –

Ormai da tempo la Lav e numerose altre associazioni animaliste si battono per i diritti degli animi all’interno dei circhi e per far sì che questi non vengano più adoperati per gli spettacoli.

Ma si tratta di un’abitudine difficile da sradicare ed ecco che a Roma e altre grandi città italiane scenderanno in piazza per far sentire la loro voce.

Le proteste si sono accentuate di recente quando un cucciolo di giraffa, appartenente al Circo Martini allora stanziato ad Imola, venne erroneamente soppresso, a causa di una dose troppo elevata di tranquillanti.

Sono stati in seguito effettuati numerosi sequestri di animali allo stesso circo ma i circensi rivendicano l’importanza delle loro tradizioni e della loro storia ed escludono categoricamente la possibilità che gli animali non partecipino più ai loro spettacoli.

C’è però chi la pensa diversamente e sostiene che non si può parlare di armonia tra uomo e animale dal momento che gli animali subiscono violenze e punizioni continue durante gli addestramenti.

Secondo le associazioni animaliste promotrici della manifestazione è infatti errato mostrare ai propri figli degli animali che trascorrono la loro vita in gabbia e che dall’uomo vengano solamente sfruttati. Andare al circo e pagare un biglietto significa promuovere il maltrattamento degli stessi.

Il circo non vive solo grazie agli animali, non va dimenticato infatti che decine di talentuosi individui si esibiscono con successo: giocolieri, musicisti, clowns, trapezisti e tanti altri.

Il circo deve essere un divertimento per tutti, non solamente per coloro che vanno a vederlo ignari di cosa vi è dietro. Lunghi trasporti, addestramenti spossanti, stress psicologico oltre che fisico e strette gabbie non possono essere ignorati.

Volete mettere il poter vedere un elefante o una tigre mentre si muovono liberi nel loro habitat naturale?

Riflettete e agite di conseguenza.

 

Written by Rebecca Mais

 

Info

Lav.it

 

One comment

  1. rossano /

    La libertà! di cui parlate va bene per gli animali nati in natura,e non per quelli nati in cattività da più di 500 anni,quindi se trattati bene il loro habitat naturale e dove sono nati cioè in cattività…

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: