Resoconto dello spettacolo corale “Imitation of Death”, Milano

Resoconto dello spettacolo corale “Imitation of Death”, Milano

Nov 29, 2012

Seduta sul divanetto del Piccolo Teatro Studio di Milano, una domenica pomeriggio, il 18 novembre, decido di intraprendere un viaggio assieme a tanti altri come me, incuriosita e affascinata dal lavoro di questa giovane Compagnia Ricci/Forte e i suoi sedici performer Cinzia Brugnola, Michela Bruni, Barbara Caridi, Chiara Casali, Ramona Genna, Fabio Gomiero, Blanche Konrad, Liliana Laera, Piersten Leirom, Pierre Lucat, Mattia Mele, Silvia Pietta, Andrea Pizzalis, Claudia Salvatore, Giuseppe Sartori, Simon Waldvogel, che portano in scena ormai da due settimane, prima a Roma e ora qui a Milano, Imitationofdeath.

Osservo la sala, gremita di gente, di diverse fasce d’età e questo mi rallegra e mi stupisce allo stesso tempo. Non trovo la schiera di soli adolescenti come avevo letto più volte, ma gente adulta, giovane e meno giovane, unita tutta da un senso comune di scoperta e di curiosità verso questo lavoro che ha fatto parlare e discutere.

Un palcoscenico vuoto

L’aria è densa di respiri e una musica s’impregna sottopelle

Seminudi e con vertiginosi tacchi alti

Sedici corpi scrivono una storia

Tante storie, le loro, le nostre, quelle che abbiamo smesso di ascoltare, quelle che fatichiamo ad accettare.

Imitationofdeath è uno spettacolo corale, una condivisione di emozioni, sentimenti, stati d’animo indagati dai performer che portano in scena storie intime e personali per arrivare dritte allo spettatore, che dopo un iniziale stordimento, non si sente più tale, ma si sente partecipe di quel dolore, di quella ilarità, di quelle domande e di quei perché che troppo spesso ci facciamo solo a noi stessi e che difficilmente trovano una risposta.

Quanto siamo disposti a scoprire di noi?

Di cosa abbiamo paura?


Siamo spettatori o protagonisti della nostra vita?

Basta solo respirare per considerarsi vivi?

Il nostro corpo parla? O le parole hanno creato una barriera sicura dove la nostra fisicità si è adagiata tanto da non percepirla più?

Imitationofdeath è un omaggio alla vita, dove a parlare è fondamentalmente il corpo.

Un corpo sudato, affaticato, stanco, energico, sofferente, eccitato.

Un corpo che ci racconta attraverso le azioni più diverse, un vissuto che ci suona familiare che testimonia qualcosa che nonostante tutto ci appartiene.

I sedici performer mettono in scena un malessere comune che ci rende simili in una società che è fatta di recriminazioni, limitazioni, ben pensare, dove si ostenta il bello, il culto estetico, la giovinezza. Imitationofdeath ci ricorda che invece siamo umani, imperfetti, con tante storie, con un corpo che parla molto spesso al posto nostro e con un bisogno naturale di comunicare e di condividere col prossimo.

Prima o poi tutto questo finirà e rimarranno solo gli oggetti che abbiamo usato, comprato, collezionato…e racconteranno di noi.

Cosa parlerà di voi alla fine di questo viaggio?

Ogni giorno subiamo delle piccole morti: compromessi, abdicazioni a ideali che erano in noi fin dall’adolescenza, fallimenti, frustrazioni per rapporti che si concludono, tutte quelle cose che non riescono a farci reagire”.

Il prossimo next stop è: CSS Teatro Palamostre | UDINE | 30 November + 1 December 2012

 

Written by Cristina Zanotto

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: