Presentazione de “Tunisi, taxi di sola andata” di Ilaria Guidantoni, 14 novembre, Roma

Presentazione de “Tunisi, taxi di sola andata” di Ilaria Guidantoni, 14 novembre, Roma

Nov 13, 2012

Mercoledì 14 novembre 2012 alle ore 18:00 presso la Libreria L’Argonauta, Via Reggio Emilia 89 (piazza Fiume), a Roma ci sarà la presentazione del romanzo “Tunisi, taxi di sola andata” della scrittrice Ilaria Guidantoni.

Un Viaggio insolito in un paese che cambia. Quando le rivoluzioni ci costringono a guardare dentro

Un romanzo verità tra narrazione e reportage che parla in presa diretta della rivoluzione tunisina con interviste ai protagonisti della rivolta: un Viaggio in prima persona tra le strade dove è nata la rivoluzione dei gelsomini.

Prefazione di Mourad Ben Cheikh, Regista. Introduzione di Matteo Mecacci, Responsabile Democrazia e Diritti Umani OSCE

 Una cartografia della rivoluzione si disegna nel nostro immaginario: al di là dei luoghi, è la mappa dei sentimenti ad emergere; a partire dal coraggio ritrovato dei tunisini. (Mourad Ben Cheikh)

Un viaggio attraverso le emozioni, i dubbi, le speranze e le paure di chi vede e di chi è visto in questa nuova situazione. (Matteo Mecacci)

Viaggio nella Tunisia post-rivoluzionaria che, tra reportage e narrazione, descrive anche il cammino interiore che l’autrice compie in prima persona attraverso la protagonista, Sophie – donna francese di origini italiane – a seguito del terremoto provocato nella vita delle persone incontrate.  La nascita del desiderio di ripensare il mare nostrum come una porta girevole tra Italia e Tunisia, alla ricerca delle origini comuni.

Una fotografia del risveglio culturale di un Paese attraverso le voci del popolo, dei protagonisti intellettuali e politici, dissidenti e sognatori, gente comune e soprattutto i tassisti: tornare ad essere liberi segna il risveglio culturale che è sempre anche impegno civile.

Sullo sfondo il Mediterraneo, un grande lago salato, patrimonio dell’umanità da restituire agli antichi splendori delle civiltà che sulle sue rive hanno convissuto, confrontandosi ed arricchendosi a vicenda, sottraendolo agli scontri di biechi interessi di parte.

Un messaggio esistenziale dove il viaggio diventa metafora di un vivere aperto all’altro, in ascolto, rivolto ad un altrove e mai pago del hic et nunc: la scommessa perché la transizione tunisina diventi un’occasione di trasformare i turisti in viaggiatori e portatori di sviluppo e di scambi, di idee prima di tutto. L’anticipazione in nuce di quello che sarebbe seguito e che oggi lascia ancora in attesa…forse di una nuova rivoluzione, aspettando le elezioni del 2013.

Ilaria Guidantoni, Fiorentina di nascita, vive e lavora tra Roma, Milano e Tunisi. Giornalista e Scrittrice, per un lungo periodo si è occupata di sviluppo del territorio e infrastrutture, con particolare attenzione alla sicurezza strale, in qualità di consulente per aziende, istituzioni e associazioni. Laureatasi in Filosofia Teoretica all’Università Cattolica di Milano, un Corso di Perfezionamento in Bioetica al Policlinico Gemelli di Roma, si è interessata di problemi legati alla corporeità, disagi e affettivi e disturbi del comportamento alimentare; oggi si occupa soprattutto di mediterraneità. Ha pubblicato il saggio Vite sicure. Viaggio tra strade e parole (Edizioni della Sera, marzo 2010); la raccolta di poesie e racconti Prima che sia Buio, (Colosseo Grafica Editoriale, novembre 2010); l’istant book I giorni del gelsomino (P&I Edizioni, febbraio 2011); e il romanzo verità Tunisi, taxi di sola andata (NO REPLY Editore, marzo 2012). A gennaio 2013 uscirà Chiacchiere, datteri e thé – Tunisi, viaggio in una società che cambia(Albeggi Edizioni). Già consulente per le relazioni istituzionali di associazioni e aziende, ha collaborato con varie testate ed è curatrice della rubrica Politica e infrastrutture del mensile “Le Strade” (Fiaccola editore).

Luciano Lanna, È direttore di “ItalianiQuotidiano”, È stato vicedirettore de’ “L’Indipendente” e direttore responsabile del “Secolo d’Italia”. Laureato in Filosofia, dal 1995 al 1996 è assunto come redattore capo a “L’Italia settimanale” di cui poi diventa condirettore con Pietrangelo Buttafuoco alla direzione. Successivamente, è caporedattore al bimestrale “Ideazione”. Nell’estate del 1996 conduce insieme a Piergiuseppe Caporale una trasmissione quotidiana di musica jazz e cultura a RadioDue Rai. Nel 1997 è uno degli autori dello speciale di RaiDue “1977: l’anno che non finì”. Poi nel 2003 passa a “L’Indipendente”, dove è vicedirettore. Nel 2004 torna al “Secolo d’Italia” (dove aveva svolto il praticantato nel 1990-1991) con il ruolo di caporedattore. Nel maggio 2006 ne diventa direttore responsabile. Sempre nel 2006 firma con Filippo Rossi una trasmissione di RaiTre su Leo Longanesi per la regia di Francesco Linguiti. Dal 2009 scrive regolarmente sul settimanale “Gli Altri”, diretto da Piero Sansonetti; collabora con il quotidiano “Europa” e con il settimanale “Il Futurista”. Dirige il mensile culturale “Caffeina magazine”.

Giuseppe BisognoAttore campano, si è Diplomato all’Accademia Silvio D’Amico. Esordisce con Luca Ronconi ne’ “Gli ultimi giorni dell’umanità”; la passata stagione è stato interprete in “The Coast of Utopia” di Marco Tullio Giordana; ha debuttato lo scorso settembre con la prima prova di regia “Il Gufo e la Gattina”. Attualmente è in tournée con il “Re Lear” di Michele Placido.

 

Indirizzo

Roma – Libreria L’Argonauta, Via Reggio Emilia 89 (piazza Fiume)

Ore 18.00

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: