Oggetti moderni in tempi antichi: L’Uccello di Saqqara

Oggetti moderni in tempi antichi: L’Uccello di Saqqara

Nov 11, 2012

Secondo la Teoria degli Antichi Astronauti, in un passato remoto, viaggiatori extraterrestri hanno visitato i nostri antenati influenzando la naturale evoluzione della specie umana. Gli alieni, hanno davvero ispirato e aiutato i nostri antenati a costruire templi antichi megalitici e piramidi? E se sono venuti qui, ci hanno lasciato delle conoscenze avanzate di fisica, astronomia e matematica? In tal caso, ne rimane qualche prova oggi?

Saqqara, in Egitto, sorge la famosa piramide a gradoni di re Gioser. Con un’età di oltre 4 mila anni, è la più antica delle 97 piramidi d’Egitto. Saqqara è famosa anche per essere uno dei complessi funerari più antichi d’Egitto, guadagnandosi il soprannome di “Città dei Morti“. È qui che nel 1891 alcuni archeologi francesi riportano alla luce una tomba antica contenente i resti di Pa-di-Imen, un funzionario di corte del III secolo a.C. Fra i vari reperti, viene ritrovato un piccolo modellino in legno di quello che sembra un uccello, vicino ad un papiro su cui era scritto “voglio volare“.

Il manufatto viene inviato al museo del Cairo dove le autorità lo sistemano insieme ad altre statuette di uccelli. Lì vi rimane, senza suscitare particolare attenzione, fino al 1969 quando l’egittologo Khalil Messiha, esaminando la collezione di uccelli, non nota che nell’uccello di Saqqara c’è qualcosa di molto diverso dagli altri.

Da una parte sembrerebbe un uccello, con gli occhi e il becco tipici di un volatile. Dall’altra, le ali non sono quelle di un uccello, infatti sono modellate verso il basso e, il loro spesso tende a diventare più sottile verso l’estremità. E’ un design aerodinamico molto moderno. Infine, gli uccelli non hanno il timone in quanto non ne hanno bisogno a causa della loro conformazione aerodinamica, perciò si pensa che questo manufatto non rappresenti un uccello, bensì una macchina volante, un aeroplano!

Gli antichi egizi, dunque, sapevano volare? Nel 2006, l’esperto di aviazione e aerodinamica Simon Sanderson, ha costruito un modello in scala dell’uccello di Saqqara, cinque volte più grande dell’originale, per testare la possibilità che si tratti realmente di un aeroplano. Ebbene, ponendo il modello in scala in una galleria del vento, Senderson si è reso conto che l’Uccello di Saqqara è in grado di volare. I test dimostrano che il manufatto è la riproduzione in scala ridotta di un aliante altamente sviluppato ed è simile ai progetti utilizzati anche oggi.

Anche alcuni modelli informatici confermerebbero l’idoneità al volo dell’Uccello di Saqqara. Ma c’è un altro problema da considerare: se l’aliante era in grado di volare, in che modo avveniva il lancio? Oggi viene utilizzato un aereoplano da traino, che trascina l’aliante in aria e poi lo sgancia raggiunta l’altitudine necessaria. Come avrebbero fatto gli antichi egizi a far volare l’uccello di Saqqara?

Alcuni studiosi, ipotizzano che l’aliante fosse spinto in area grazie all’ausilio di una potente catapulta, capace di proiettare l’aliante ad alta quota. Gli archeologi egizi hanno confermato che gli antichi egizi possedevano le capacità tecniche per costruire un simile congegno. Anche oggi, uno dei sistemi utilizzati dagli appassionati di alianti, è quello di lanciarsi in aria con l’ausilio di corde elastiche, utilizzando un principio simile a quello della catapulta.

Ma se l’Uccello di Saqqara può volare, gli antichi egizi come acquisirono una tecnologia simile? Secondo i Teorici degli Antichi Astronauti, l’Uccello di Saqqara è una delle prove più rilevanti del fatto che in passato, antichi viaggiatori alieni, abbiano incontrato i nostri antenati e trasmesso cultura, tecnologia e conoscenza, passando da una cultura primitiva, ad un più altamente sviluppata.

Ma l’Uccello di Saqqara, come la Macchina di Anticitera, le Lampade di Dendera e la Batteria di Baghdad, potrebbe anche essere l’ultimo simbolo di una ancestrale civiltà umana antidiluviana, andata distrutta in un qualche cataclisma cosmico di migliaia di anni fa. I superstiti di questa civiltà “atlantidea” avrebbero potuto trasmettere la conoscenza e la cultura alle generazioni primitive post-diluviane, nel tentativo di ricostruire la civiltà umana. Tutte queste possibilità, cambiano di molto il nostro punto di vista sulle civiltà antiche.

 

Fonte:

Il Navigatore Curioso

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Oggetti moderni in tempi antichi: L’Uccello di Saqqara - oubliettemagazine - Webpedia - [...] Secondo la Teoria degli  Antichi Astronauti , in un passato remoto, viaggiatori extraterrestri hanno visitato i nostri antenati influenzando…
  2. TEORIA DEGLI ANTICHI ASTRONAUTI – INDIZI ARCHEOLOGICI DELLA PRESENZA EXTRATERRESTRE IN EPOCHE PASSATE – PRIMA PARTE | Misteri del passato - [...] di Pa-di-Imen, si conoscevano le basi del volo, e quindi dell’aerodinamica? Link immagini: link Link utili: Uccello di [...]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: