Resoconto de “Cinema di Note”, Concerto di pianoforte e pellicola al Gp2, Roma

Resoconto de “Cinema di Note”, Concerto di pianoforte e pellicola al Gp2, Roma

Nov 7, 2012

Cinema di note, concerto per pianoforte e pellicola” è il nome di un progetto inedito, speciale, romantico, che unisce musica e immagini del cinema: le note del Pianoforte del maestro Francesco Paniccia accompagnano e commentano musicalmente la sequenza di immagini del “primo cinema”.

Il primo appuntamento di “Cinema di note” è stato il 2 novembre 2012 alle ore 21.00 al Gp2, Centro Giovanile Giovanni Paolo II, in vicolo del Grottino3b, a Roma.

Ospite della serata: George Melies, prestigiatore, grande sperimentatore,  secondo “padre” del cinema, dopo i fratelli Lumière, e il primo degli effetti speciali.

La sala del Gp2 è molto ampia, il palco  dove Francesco Paniccia si esibisce più ristretto, per pochi intimi, ed è l’atmosfera giusta per un evento di questo tipo:  luce soffusa, un pianoforte, lo schermo ancora vuoto…e ha inizio il  nostro “Concerto di pianoforte e pellicola”.

L’introduzione al Cinema di note, è un treno in partenza proiettato per tre volte: l’immagine sullo schermo del treno senza accompagnamento musicale, poi, la seconda volta, una melodia delicata e non invasiva accompagna il filmato, infine, il treno in movimento si unisce alle note di Nyman, la ben nota colonna sonora del film “lezioni di piano”.

Il primo filmato offre al pubblico la chiave di lettura per la serata: un omaggio al cinema degli esordi visto e reinterpretato con un linguaggio musicale attuale.

È una serata che ci trascina in un’atmosfera favolistica, gotica e romantica allo stesso tempo: l’interpretazione del vuoto sonoro del maestro Francesco Paniccia, proietta lo spettatore, in un’altra “epoca” quella del cinema muto: sin dai primi anni del 900, gli strumenti musicali, nelle sale più prestigiose,  hanno accompagnato le proiezioni dei film con l’obiettivo di rendere le immagini realistiche e più vive.

Un percorso che mostra  l’evoluzione- dal bianco e nero, all’utilizzo dei primi colori- del cinema degli esordi: si comincia dalla proiezione del mago (1898) per terminare con i 400 colpi del diavolo (1906) passando per Cenerentola, Barbablu, la sirena: uno sguardo d’insieme al favoloso e imaginifico mondo di Melies.

Le immagini del cinema accompagnate dalla musica del pianoforte risultano un esperimento ben riuscito: Francesco Paniccia ci offre la sua personale visione di Melies, delicata, sofferta, commovente,  un’ interpretazione forte e intensa delle immagini.

È la bellezza e la novità del “Concerto per pianoforte e pellicola”: il maestro, guardando i filmati sullo schermo, si lascia andare alla visione delle immagini, permettendo al suo estro e al suo talento di commentare il film in maniera sempre originale (una serata potrebbe essere diversa da un’altra, un po’ come succede per gli attori a teatro).

 

L’esperimento “Cinema di note” risulta quindi interessante ed originale, e rende imperdibile il secondo appuntamento, previsto per il giorno 25 gennaio 2013 alle ore 21.00 al Gp2, con L’inferno, il film capolavoro del 1911 di Giuseppe de Liguoro.

 

 

Written by Sarah Mataloni

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: