Sion Sono: le stringate recensioni di Maurizio Ercolani

Sion Sono: le stringate recensioni di Maurizio Ercolani

Ott 25, 2012

Retrospettiva monografica sul regista Sion Sono

 

 

Tsumetai nettaigyo (Cold Fish), di Sion Sono

Lo capisci subito dai primi fotogrammi.

Certe tette non hanno nulla a che fare con la serenità.

Eppure l’inizio è calmo, allegro.

Il benefattore e la famiglia tranquilla.

Interessi comuni: gli acquari, i pesci.

Un rapido flash e vedi la figlia che prende a calci la madre.

Che poi non è la madre, ma una puttana.

Vabbè ma finisce subito: è solo un assaggio.

Torna subito l’armonia.

Toni e suoni fluidi, ovattati.

I pesci dentro l’acquario.

 

Poi soli nella stessa stanza la madre e il benefattore.

Megumi Kagurazaka ha due tette enormi.

Ma è solo l’inizio di un viaggio visionario indimenticabile di sesso e violenza estrema.

Ispirato da una storia vera.

 

Fine della “recensione”, metafora degli opposti e delle perversioni.

Voto 9

 

Ai no mukidashi (Love Exposure), di Sion Sono

Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli

Ma non avessi Amore

Sarei come il bronzo che risuona

O come il cimbalo che tintinna

E se anche avessi il dono della profezia

E conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza

Se anche possedessi una fede così grande da trasportare le montagne

Ma non avessi Amore

Io non sarei nulla

E se anche distribuissi tutti i miei averi ai poveri

E offrissi il mio corpo perché fosse bruciato

Ma non avessi Amore

Niente di tutto ciò mi gioverebbe

L’Amore è paziente

È benigno

L’Amore non arde di gelosia

Non si vanagloria

Non s’insuperbisce

Non si comporta in maniera sconveniente

Non persegue il proprio interesse

Non si indigna

Non nutre alcun risentimento per il male ricevuto

Non si rallegra dell’ingiustizia

Ma gioisce della verità

Tutto ammette

Tutto crede

Tutto spera

Tutto sopporta

L’Amore non avrà mai fine

Invece le profezie scompariranno

Il dono delle lingue cesserà

La scienza svanirà

Perché la nostra conoscenza è imperfetta

E imperfetto è anche quello che profetizziamo

Ma quando verrà ciò che è perfetto

Tutto quello che è imperfetto sarà annullato

Quando ero bambino

Parlavo da bambino

Sentivo da bambino

Ora invece vediamo come in uno specchio offuscato

In maniera oscura

Ma allora vedremo in modo chiaro

Faccia a faccia

Adesso conosco soltanto in modo imperfetto

Allora invece conoscerò completamente

Ora dunque

Solo tre cose dureranno per sempre 

Fede

Speranza

Amore

Solo queste tre cose

Amore è la più grande di esse

 

Esporsi.

 

Da Gigi la Trottola:

http://www.youtube.com/watch?v=8Q1P7vs-7mY

a San Paolo:

http://www.youtube.com/watch?v=GWqLfv6Ay0A

 

Leggerezza e riflessione.

 

Fine della “recensione”, sette religiose e Tosatsu, critica sociale ed erezioni.

Voto 8

 

Written by Maurizio Ercolani

 Facebook

 

http://youtu.be/HmQPIBNPFBE

 

Per leggere la Retrospettiva Monografica sul regista Takashi Miike clicca QUI.

Per leggere la Retrospettiva Monografica sul regista Kim Ki-Duk clicca QUI.

Per leggere la Retrospettiva Monografica su Andrej Arsen’evic Tarkovskij clicca QUI.

Per leggere la Retrospettiva Monografica su David Lynch clicca QUI.

Per leggere la Retrospettiva Monografica su Sergio Leone clicca QUI.

Per leggere la Retrospettiva Monografica su Lars von Trier clicca QUI.

Per leggere la Retrospettiva Monografica su Park Chan-wook clicca QUI.

Per leggere al Retrospettiva Monografica su Tetsuya Nakashima clicca QUI.

Per leggere la Retrospettiva Monografica su Béla Tarr clicca QUI.

Per la Retrospettiva Monografica su Darren Aronofsky clicca QUI.

 

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Sion Sono: le stringate recensioni di Maurizio Ercolani - oubliettemagazine - Webpedia - [...] Retrospettiva monografica sul regista Sion Sono     Tsumetai nettaigyo ( Cold Fish ), di Sion Sono Lo capisci…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: