“La profezia segreta di Mozart” di Matt Rees – recensione di Rebecca Mais

“La profezia segreta di Mozart” di Matt Rees – recensione di Rebecca Mais

Ott 16, 2012

“Mi avvicinai al letto. Avevo la bocca secca. Il sudore mi bagnava la fronte. Per un attimo credetti che fosse ancora sotto quelle coperte avvoltolate. Aprii la bocca; volevo chiedergli il perdono, pregare di essere assolta per tutti gli affanni che gli avevo causato. Ma mi fermai. Il letto era vuoto. Avrei dovuto cercare il perdono da qualche altra parte.”

Il grande, immortale Wolfgang Amadeus Mozart è scomparso a causa di una febbre miliare acuta, o almeno così ha dichiarato il dottore che si è recato al suo capezzale per accertarne la morte. Ma da giorni Mozart seguitava ad asserire di essere stato avvelenato, senza che però alcuno lo prendesse sul serio.

Quando la sorella Lenerl, ormai sposata e residente in un piccolo paese non lontano da Salisburgo, viene avvisata della morte del fratello, presagisce che le cose non sono andate come tutti affermano e decide di recarsi a Vienna per capirne di più e salutare definitivamente il fratello.

Fa perciò conoscenza con i fratelli massoni del fratello e viene a conoscenza di numerosi retroscena a lei ignoti della vita di Mozart che la porteranno a rischiare la vita.

Splendido affresco della Vienna del diciottesimo secolo, “La profezia segreta di Mozart” (Newton Compton 2012) di Matt Rees si presenta come un romanzo storico che ha come colonna sonora le immortali melodie del grande Mozart.

Il sipario si apre con la prima pagina e si richiude con l’ultima senza necessità di divisione in atti. Perché questo è un libro che va letto tutto d’un fiato, così come rapidi e solerti sono l’avvicendarsi dei fatti e delle scoperte sulla morte di Wolfgang da parte della sorella.

Numerose inoltre sono le donne protagoniste di questa vicenda.

Al primo posto Lenerl, con un passato da pianista di successo ma ora sposata e relegata nella provincia salisburghese, priva di aspettative ed eventi rilevanti. Ma questa stessa Lenerl si pone a difesa, in modo involontario, del genere femminile rivendicono taluni dei diritti che le sono stati negati da un genitore troppo oppressivo ed un marito che la trascura.

Vediamo così che il mistero ruota in gran parte proprio attorno alla condizione femminile e alla sua intelligenza per lungo tempo negata.

Ogni capitolo è accompagnato da un diverso brano del grande compositore austriaco: ci si muove dal “Don Giovanni” a “Così fan tutte”, da “Il ratto del serraglio” al celebre “Requiem” concepito in punto di morte. Ma a farla da protagonista è senz’altro “Il flauto magico”,  il quale cela tra le note, magicamente, il mistero della morte di Mozart.

Coinvolgente, oscuro, intrigante, un thriller storico che incanterà gli amanti del mistero e nel quale si rivelano molti più aspetti reali della vita del musicista di quanti ci si potrebbe aspettare.

Un occasione quindi per apprendere aspetti poco noti dell’esistenza di Mozart e dell’altrettanto dotata sorella Lenerl e per intraprendere un viaggio nella splendente Vienna, tra chiese, palazzi reali ed edifici d’epoca descritti dall’autore con esattezza e cura dei dettagli.

 

Written by Rebecca Mais

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: