Fanpage intervista gli Electrophelia, autori della colonna sonora “Lost in Google”

Fanpage intervista gli Electrophelia, autori della colonna sonora “Lost in Google”

Set 3, 2012

Intervista agli Electrophelia, Danjlo e Grace, che hanno risposto alle domande della rete dopo il successo delle canzoni “Lost in Google” e “Don’t wake up”, contenute nella web series omonima “Lost in Google”, prodotta dai The Jackal in collaborazione con Fanpage.

Gli Electrophelia sono un gruppo electro-italiano composto da Danjlo (produttore, musicista), e Grace (cantante,attrice). Il loro stile e la loro immagine sono influenzati da una forte vena rock. L’unione dei due artisti è avvenuta per caso in un teatro, dove si videro per la prima volta e si innamorano. Poco dopo decisero di iniziare a produrre brani sperimentali, adottando uno stile particolare e uno strano modo di interpretazione. I colori scelti per i loro look subiscono sin da subito influenze che partono dal Cyberpunk passando tra dubstep e triphop, fino ad arrivare alla musica ambient. Lost in Google è stato il loro primo singolo ufficiale, che definiscono una nevrotica ballata electropunk, seguita dalla sofferente e tragica “Don’t Wake Up”. Il duo definisce Electrophelia un esperimento che crea affezioni che danneggiano il pensiero, i sentimenti e il comportamento di una persona normale, rendendo problematica la sua conseguente integrazione sociale. Tra gli effetti collaterali indicati ci sono la sofferenza personale e le frequenti alterazioni di tipo comportamentale. C’è da stare tranquilli insomma scambiando due chiacchiere con Danjlo e Grace, già pronti a lanciare la 3 puntata della nota web series e a farsi travolgere da tanti altri progetti, oltre che dalle domande degli utenti.

 

ED: Ciao ragazzi, ci svelate le vostre identità e ci dite come è nata la vostra unione?

Danjlo: Gli Electrophelia siamo io, Danjlo (Produttore, Musicista), e Grace (Cantante/Attrice). Ci siamo conosciuti durante uno stage teatrale e ci siamo innamorati. Il progetto Electrophelia è nato in modo molto spontaneo e naturale, un gioco che ha preso forma poco a poco, senza che nemmeno noi ce ne accorgessimo.

 

ED: Perché Electrophelia?

Grace: Sono sempre stata affascinata dalla bella innamorata di Amleto. Ophelia conosce il linguaggio dei fiori, è pura ma allo stesso tempo enigmatica, impazzisce per amore e la sua fine è tragica ma così poetica. Credo che Electrophelia sia la visione moderna (e se vuoi anche più dirty) di Ophelia.

 

ED: Molti vi paragonano ai Massive Attack. Sentite questa somiglianza o sono altre le vostre fonti di ispirazione musicale?

Danjlo: I Massive Attack sono parte dei nostri riferimenti musicali. Credo però che spesso ci sia un problema nel rapportare una band ad un’altra. A volte il pubblico si sofferma su singoli riferimenti che fanno parte di dischi dal sound così vario. Spesso si commette questo errore a causa della scarsa conoscenza di alcuni grandi artisti che purtroppo vengono fuori solo in superficie (Molti conoscono i M.A. solo per alcune pubblicità, oppure i The Who come colonna sonora di un poliziesco) e la assoluta disinformazione riguardo altre realtà. Ci piacciono i Justice, Chromeo, i Codeine, Nine Inch Nails, Lali Puna, Mum, Sigur Ros, abbiamo letteralmente divorato Kid A dei Radiohead. Siamo forse più ispirati dall’elettronica francese e islandese.

 

ED: Come è nata la sinergia con i The Jackal e con il mondo delle web-series?

Danjlo: Quando seppi al telefono che i The Jackal cercavano una colonna sonora per una serie che si chiamava “Lost in Google” ero per strada, pensai subito ad un motivo che era un misto fra il tema del synth bass e il canto di Grace. Scappai in studio e realizzai un provino. Il pomeriggio seguente lo feci ascoltare ai ragazzi e ricordo che Francesco Ebbasta (il regista) usci fuori, mi guardò e dopo qualche secondo di silenzio mi disse “..fortissimo”.
ED: Riguardo a Lost in Google abbiamo isolato 3 domande prese direttamente dai commenti sottostanti il video originale, caricato sul canale ElectropheliaMusic di Youtube:

  • ciao cantante del video, hai ripetuto per tutto il tempo le stesse parole e non ti sei nemmeno curato di assicurarti che si scrive “DISTORTION” e non “DISTORSION”. (se non hai capito vai al secondo 0.16 ciao)

Danjlo: Il Distorsion A è un vecchio profumo francese, non so se lo producano ancora ma ti saprei perfettamente descrivere la fragranza: è un misto fra errore, distrazione e noncuranza.

  • molto ma molto bella come ost di lost in google, ma come canzone di per se non regge…

Danjlo: Può darsi che sia vero. Credo che il 90% della produzione musicale è parte di una lotta fra il produttore e le sue insicurezze, non credo ci sia una ricetta giusta per la musica, quindi a volte i tuoi calcoli potrebbero essere tutti sbagliati. A causa delle mie incertezze non mi aspettavo che Lost in Google piacesse a così tanta gente, al contrario immaginavo critiche, molte di più di quante ne siano state fatte.

Grace: Ogni volta che Danjlo riascolta il master di Lost in Google (uscito a dicembre) mi dice sempre “Il kick non è giusto” , “E’ troppo lenta!”.

  • Bravi , comunque in alcune inquadrature il cantante sembra Jhonny Depp ve lo hanno mai detto?

Grace: ..io l’ho sempre detto!!!
Danjlo: .. magari!

 

ED: Riguardo invece al secondo singolo “Don’t wake up”:

  • Ma si trova su iTunes? Perché forse sono io, ma non l’ho trovata.

Grace: Il (Ri)missaggio di Don’t Wake Up è durato 2 settimane, il Master 4 giorni. A volte per avere risultati soddisfacenti sei costretto a violare la promessa che hai fatto con chi ti segue. Noi stessi non ci aspettavamo di metterci così tanto. Il master per il web è pronto e fra un po’ di giorni sarà sulle varie piattaforme fra le quali itunes.

  • La canzone spacca, è bellissima… ma giacché c’eravate, non potevate farvi fare i video delle canzoni dai The Jackal?

Grace: Sicuramente ci saranno ulteriori collaborazioni con i The Jackal, che già si sono proposti per un prossimo videoclip. Siamo molto soddisfatti di come la MooBe abbia interpretato il pezzo.. è esattamente come lo immaginavamo.

  • Ragazzi, complimentissimi, anche io come altri vi ho scoperto grazie ai ragazzi di the jackal, sarebbe un piacere venirvi a sentire suonare, serate in programma?

Grace: Abbiamo da pochi giorni ideato il “Lost in Tour”, uno spettacolo Electro-Rock per i club, e l’iElectro, un dj set per le discoteche. Stiamo allestendo il calendario, dovrete pazientare ancora un po’.

 

ED: Avete già preparato il brano di accompagnamento per la 3° puntata di Lost in Google? Ci date qualche anticipazione?

Danjlo: Stiamo preparando altri due singoli, che accompagneranno le prossime puntate. Intanto ci concentriamo sugli ingredienti del nostro Ep. Non ci aspettavamo tutta questa attenzione, quindi ci siamo fatti trovare molto impreparati.

Grace: Cerchiamo di recuperare un po’ di strada persa. L’unica anticipazione è che c’è molto da fare, anche se la musica non è mai troppa.

 

 

Fonte:

http://music.fanpage.it/lost-in-electrophelia-intervista-a-danjlo-e-grace/

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: