“Tell him he’s dead”, ep della band Quiet in the Cave

“Tell him he’s dead”, ep della band Quiet in the Cave

Set 1, 2012

I Quiet in the Cave nascono nel 2002 per volontà di Munholy, Ale e Carlo. Un anno dopo Mike si unisce al gruppo. Il loro mix di black, doom, industrial, post-core desta un certo interesse e la loro prima autoproduzione, “Monstro” (2004), è ben recensito in riviste specializzate e webzine.

L’attività in sala prove è intensa: nei due anni a seguire registrano nuove canzoni, alcune di queste trovano spazio in compilation e come colonne sonore di cortometraggi.

La canzone Green Desert concorre come miglior colonna sonora al
Torino Horror Film Fest.

L’attività live non è intensa, ma nelle loro poche apparizioni i Quiet In The Cave lasciano sempre un segno profondo.

Nascono nuovi Progetti musicali per Munholy (Malfeitor, SIELE), Ale (Autoblastindog), Mike (Sétamùr, Misdea, SIELE).
Vengono registrate nuove canzoni al Cave Canem Mobile Studio.

Alcune di loro vedranno luce nello split “The DropMachine/Quiet In The Cave” per Hypershape Records che viene promosso con alcuni concerti in Italia.

La cover dei Giardini di Mirò Pet Life Saver è pubblicata nella compilation “Altri Giardini”, curata dalla stessa band post-rock emiliana.

Cresce intorno ai Quiet In The Cave, anche oltre i confini della loro terra, un certa curiosità.

Loro continuano a comporre e registrare. Per l’ultima volta. La vita ti costringe anche a scelte dolorose e nel 2011 il gruppo si scioglie.

Nel 2012 esce l’EP “Tell Him He’s Dead”.

 

Monstro, tratto dall’EP “Tell Him He’s Dead”:

http://youtu.be/nxtqibTiEy0

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: