Il poeta è l’essere più imperfetto che cerca la perfezione ovunque, testo di Ninnj Di Stefano Busà

Il poeta è l’essere più imperfetto che cerca la perfezione ovunque, testo di Ninnj Di Stefano Busà

Feb 24, 2012

Quando si parla di Poesia c’è il dubbio che si parli di qualcosa di assolutamente astratto che ci commuove o ci sommuove, ci spinge a cercare dentro o fuori di noi la Bellezza che manca nel mondo. E infatti, sono convinta che il poeta sia tra gli esseri umani il più “imperfetto”, il più lacunoso e incapace di trovare la perfezione che disperatamente cerca.

Ha uno strano e ambìto progetto il poeta, che è quello di perseguire la perfezione ovunque essa si annidi, nel mentre la cerca, essa gli sfugge, si allontana da lui, in una sorta di sortilegio che lo fa essere sempre altrove, da dove essa si trovi, altrove da sè, altrove dai luoghi, dalle cose che egli possiede e ama. E allora per quanto egli la evochi, per quanto desideri raggiungerla, essa è sempre lontana o pare allontanarsi sempre più dal suo progetto iniziale.

Vi sono due tipologie di poeti. chi scrive per se stesso, inseguendo il modello di bellezza che ha dentro di sè, che lo ispira e gli fa immaginare una perfezione “superiore” a quella che lo circonda, e quella di chi scrive a tavolino, direi <a freddo>, per immettersi in un mondo, che gli consenta il protagonismo intellettuale, pirotecnico, (e spesso illusorio), le luci della ribalta, la popolarità e il successo.

La poesia invece ha tempi lunghissimi, è qualcosa che origina da molto lontano e va verso territori inimmaginabili. Se tutto va bene, trasferisce il progetto poetico oltre noi, oltre il momento, in una dimensione storica che può collocare il poeta nella pagina letteraria del futuro come un vate. La dimensione irreale che è perennemente sul punto di implodere al di dentro, esplora emozioni “altre”, che le restituiscano la funzione del Bello che in sé non possiede.

E’ come se al poeta mancasse il terreno sotto i piedi, più corre per inseguire la perfezione, più quest’ultima si allontana, rifugge da lui, si estranea o si mescola con la realtà cruda del quotidiano, impedendogli di vedere oltre la cortina di nebbia del suo osservatorio privato. Il rischio peggiore per un poeta è quello di sapere che non troverà mai la perfezione che cerca, ma si dovrà accontentare del perfettibile che la surroga almeno in parte.

La poesia, infatti, nella sua vera accezione, è un conto aperto con l’anima  di chi la scrive.

Ogni poeta sa che si può estinguere in ogni momento, ma al contempo è cosciente che della sua essenza e superba bellezza non può più fare a meno fino alla morte. Se è toccato dalla poesia, difficilmente rinuncerà a cercare dall’abisso fondo del buio le parole atte a comunicare con essa, (poesia) in quanto il tentativo per innescare un verosimile dialogo resta sempre un po’ incerto e incapace di aprirsi del tutto. Perciò, spesso si dice che “la poesia più bella è quella che un poeta ancora non ha scritto“.

Per il fatto che è induttiva e inebriante o esaltante essa trova molti fautori, ma con la consapevolezza che: chi scrive poesia è solo il guardiano del paesaggio interiore, semmai l’interprete, il transfert qualche volta, ma mai padrone di ciò che crea, perchè una volta creata la parola diventa di tutti, inibisce la proprietà di ciascuno che diventa ascoltatore di sè stesso. E come un teatro il cui palcoscenico è attraversato da tanti attori, tutti con ruoli diversi, ma compresenze di una stessa scena, una “piece” teatrale  che è quella del mondo, dove trionfa il segno architettonico dell’avventura universale, ma non il tutto, come dire una pagina non l’intera rappresentazione.

La poesia è uno di quei disegni che sfugge ad ogni interpretazione o intuizione umane.

La poesia vive di se stessa, e cerca in se stessa la sua ragion d’essere, è biografa e registra ogni vibrazione dello spirito come se fosse il primo segnale del mondo, non si può coattare, nè impedire che venga fuori, d’improvviso, quando meno il poeta se l’aspetti. Sarà condivisione “dopo”, ma al momento del poiein il poeta è solo, come una madre che sta per partorire, in quel preciso momento la natività della parola è slancio, idealmente assolve il compito di neutralizzare le brutture, del mondo, rendersi perfettibile, compartecipe alle sue straordinarie manifestazioni scrittorie, ai suoi panorami intellettuali, alle sue emozioni e suggestioni. In un secondo momento la poesia sarà amore, sarà tendenza all’eterno, forse tendenzialmente votata ad essere altro da sè, ma lucidamente, prioritariamente anche del mondo.

 

Info Ninnj Di Stefano Busà:

Rivelatasi come poeta, poco più che quindicenne a Salvatore Quasimodo (Premio Nobel), suo corregionale e amico di famiglia, ha mostrato nei vari decenni una produzione letteraria più che qualificata. Ha pubblicato 20 voluni  di poesia, per i quali ha avuto prestigiosi estimatori critici. Scrittrice raffinata e consodidata da plurime esperienze. Laureatasi con una tesi su Benedetto Croce: L’Estetica crociana e i problem dell’Arte ha raggiunto nel tempo ragguardevoli posizioni liriche. Considerata oggi una delle massime figure nel diorama della poesia contemporanea, ha avuto prefazioni da Giovanni Raboni, Marco Forti, Giorgio Bàrberi Squarotti, Walter Mauro, Emerico Giachery, Davide Rondoni, Dante Maffia, Francesco D’Episcopo, A. Coppola, A. Spagnuolo, S. Demarchi e altri, recensori come Attilio Bertolucci, Alda Merini, Fulvio Tomizza, Antonio Piromalli, Neuro Bonifazi, Renato Filippelli. E’ storicizzata nella Grande Enciclopedia per le Università e i Licei in  6 vol. dell’Editore Simone. Innumerevoli riconoscimenti alla Cultura e alla Letteratura. Insignita dell’onorificenza di “Dignitario di Letteratura” dal Consolato Gen. dell’Ecuador (equivalente al ns. cavalierato)

La scrittrice si è saputa reinventare nel tempo, pur seguendo il solco della tradizione lirica. Il suo linguaggio sfugge al rischio della ripetizione e dell’autocontemplazione estetica, nuovo e sempre motivato risulta il modello, per la continua sollecitazione e ispirazione di un fattore interiore determinante che lo sollecita. Un linguaggio esente da scorie che in una continua esigenza di rinnovamento si è fatto sempre più alto (G.Bàrberi Squarotti).

Una poetica che origina dal divino e si alimenta del quotidiano, superando: perplessità, dubbi, contraddizioni, inquietudini e conflitti esistenziali in un afflato ampio di cosmogonia. La poesia di N. Di Stefano Busà va oltre il banale, oltre le punte d’iceberg di un diluvio, avendo in cuore la poesia che canta tutto il “suo” sublime stupore e la sua verità.

 

2 comments

  1. mario vitucci /

    Salve signora Buse’.Se posso permettermi di rivolgermi a lei senza sembrarle inopportuno,vorrei portare alla sua attenzione il mio parziale dissentire da cio’ che lei sostiene,convenendo pero’ col suo dire sulla “imperfezione”dell’essere poeta che tuttavia e’-a mio modo di vedere- uno stato del tutto apparente in quanto in nuce e’ gia’ naturalmente predisposto a trasformarsi in umana perfezione nell’attimo che segue all’atto di donare ai suoi fruitori il frutto della sua ispirazione.Cio’ in cui dissentisco,invece, e’ la mancata citazione della possibile esistenza d’una terza tipologia di poeta;colui che destinatario di semplici meravigliosi doni elargiti da persone o cose che lo circondano o che gli sono care e’ nel contempo tramite nel mettere i medesimi,nella forma di versi estrinsecati dalla sua anima e dal suo modo di vedere la vita, a disposizione di chiunque lo voglia o li senta vicini anche solo a un proprio bisogno o alla propria essenza.Tutto questo senz’altro fine che forse quello inconsciamente avvertito di ricondurre la “pura bellezza” attraverso il fruirne delle anime,alla originaria sconosciuta dimora concedendo a chi l’abbia anche solo intravista la consapevolezza di appartenerle in concreto.O molto piu’ semplicemente essere colui che vede cose e situazioni e persone da un punto di vista ormai volutamente ignorato dalla maggior parte della gente ma che comunque della gente e’ parte integrante.P.s.Le porgo anticipatamente sentiti ringraziamenti per la sua cortese disponibilita’.Ossequiosi saluti.A presto!

  2. dioydea-Dani Fant /

    La Poesia… Il Poeta…
    Oggi il Poeta (ma anche “allora”, nel Tempo che fu…) può non essere assolutamente laureato né avere avuto amici di famiglia magari Poeti di gran classe che l’abbiano incoraggiato.
    Personalmente a 16 anni quando ebbi il coraggio di far leggere alcune mie “cose” a un amico di famiglia, pluri_laureato e con interesse alla poesia e alla lingua Italiana tutta, fui irrimediabilmente costretta a continuare a scrivere proprio per il fatto di essere stata insultata e etichettata come presuntuosa. Non certo incoraggiata.
    Mi dedicavo con molta curiosità alla gran scoperta di neologismi che mi sembrava davvero strano nascessero da soli solo all’incrociarsi della penna con il foglio.
    Il “Ma chi credi di essere, D’Annunziooo???” ancora a volte mi risuona la frase, sorrido oggi di quel tono acceso e castigante, e rivedo su quel tavolo i miei fogli derisi e bocciati.
    Stabilii il giorno stesso che avrei per sempre scritto e che mai mi sarei laureata solo per poter avere l’attestato per poterlo fare.
    Di quel giorno conservo anche una poesia nata la sera stessa e che suona così:_____”Il tiro al piccione lo detesto/ ma il tiro alla mente che vola è peggio:/perché tu, mente, non muori”____

    Nessun neologismo in questa mia di allora ma una certezza limpida e sola. Il Poeta è una mente senza tempo alcuno. Il Poeta è una mente. Il Poeta è o non è. Sia che sia o no laureato sia che abbia o no avuto opportunità o possibilità economica di pubblicare uno, venti o più libri. Incoraggiato che sia o non facilitato per niente. Se però decidesse di pubblicare anche solo uno di quei libri, e magari (ahhh, che orrore!! :-) a pagamento, non riuscirebbe MAI e poi mai a imprigionar-lo dentro una gabbia di impaginazione grafica di copertine orripilanti che deturpino oltremodo questa già di per sé imperfezione estetica dilagante. Questo proprio perché il Poeta cerca la perfezione e quando SA e conosce quale strada impervia lo porti lontano dal trovarla in toto, rimane sempre più Poeta, forse, ma non accetterà mai con leggerezza di mostrarsi un “imperfetto”, riconosciuto come tale.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il poeta è l’essere più imperfetto che cerca la perfezione ovunque, testo di Ninnj Di Stefano Busà - oubliettemagazine - Webpedia - [...] Quando si parla di Poesia c’è il dubbio che si parli di qualcosa di assolutamente astratto che ci commuove…
  2. Il poeta è l’essere più imperfetto che cerca la perfezione ovunque, testo di Ninnj Di Stefano Busà | Age To Known - [...] Vai all’articolo di Oubliette Magazine: Il poeta è l’essere più imperfetto che cerca la perfezione ovunque, testo di Ninnj…
  3. Il poeta è l’essere più imperfetto che cerca la perfezione ovunque, testo di Ninnj Di Stefano Busà - Arte e Cultura | Allnewz.it - [...] – admin Calzature e Abbigliamento Donna by KSV Distribuzioni Moda   Leggi l’articolo completo su oubliettemagazine var…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: