"Meditazioni al femminile" di Michela Zanarella – sinossi di Giuseppe Lorin

Leggendo questa nuova raccolta di poesie dal titolo che ci introduce nel mondo delle elucubrazioni femminili è doveroso ricordare una frase di Eugenio Montale: “È ancora possibile la Poesia?” Sotto lo sfondo così cupo dell’attuale civiltà, anche le arti tendono a confondersi, a smarrire la loro identità. La tecnologia comunicativa sembra sia riuscita ad annientare ogni possibilità di solitudine e di riflessione.

Siamo spiriti di un secolo che divora le memorie” ricorda la Zanarella in una sua poesia qui raccolta.

Il tempo si fa più veloce, opere di pochi anni fa sembrano “datate” e il bisogno che il poeta ha di farsi ascoltare prima o poi diventa bisogno spasmodico dell’attuale, dell’immediato.

Michela Zanarella è una voce giovane che trabocca di vitalità e di amore per la vita, vuole donare se stessa e non teme di manifestarsi con slancio in un mondo invece sempre più invaso dal cinismo e sempre più spento di sentimenti, dove anche la poesia diventa spesso solo un arido De profundis.

Così Donatella Bisutti chiarifica la Poesia raccolta nella silloge Meditazioni al Femminile, e Giuseppe Neri specifica che: “Questa nuova raccolta di liriche di Michela Zanarella si configura come un intenso canzoniere d’amore che oscilla tra sensualità e spiritualità, tra naturali pulsioni dei sensi e l’esigenza di sublimarle al fuoco della passione.

In un tale paesaggio di esibizionismo quasi isterico di scrittura, quale può essere il posto della più discreta delle arti, la Poesia? Un’arte che scaturisce dal silenzio e dalla meditazione, frutto di solitudine e di lenta maturazione espressiva poetica che trova il suo transfert comunicativo in Michela Zanarella, nata a Cittadella, Padova, il 01-07-1980. Inizia a scrivere poesie nel 2004, ed è ora tradotta in inglese, francese, spagnolo, arabo.

Ha pubblicato cinque libri: “Credo” ed. MeEdusa, “Risvegli” ed. Nuovi Poeti, “Vita, infinito, paradisi” ed. Stravagario, “Convivendo con le nuvole” ed GDS, “Sensualità”, Sangel Edizioni.

Ha ottenuto diversi riconoscimenti nazionali ed internazionali. Scrive recensioni ed interviste per diversi giornali on line.

È con Michela Zanarella che si compie il “miracolo” di una poesia che rifiuta il termine di produzione.

È vero che ormai milioni di poeti scrivono versi che non hanno nessun rapporto con la poesia, ma non è credibile che la cultura di massa per il suo carattere effimero e fatiscente non produca, per necessario contraccolpo, una cultura che sia anche argine e meditazione riflessiva. E proprio di una cultura che vuole essere argine e meditazione rispetto al dilagare della versione poetica è espressione la Poesia di Michela Zanarella: un’arte che sa essere musica e – al tempo stesso – pensiero; forma raffinata e studiatissima, in aperto dialogo con le proprie radici storiche, culturali e linguistiche, e, al tempo stesso, tragicamente consapevole del ruolo morale e civile che da sempre le appartiene, e che non è più disposta a delegare o a rinnegare.

La silloge, che la Sangel Editrice propone confidando nell’espressione poetica di questa giovane poetessa, è – come precisa il titolo “Meditazioni al Femminile”– la sinossi di un’opera molto più ampia, frutto di esperienze vissute sulla propria pelle, sensazioni, afflati, delusioni, gioie, condivisioni in un processo di trasformazione della consapevolezza umana, personale e collettiva, di un suo costante lavoro appartato.

Si tratta, di una Poesia di riflessione questa della Zanarella che si rivolge, in primis, a un lettore che si senta iniziato, a un lettore che abbia già in sé il germe indispensabile al proprio cambiamento emotivo, che già possieda quella “domanda” senza la quale la “risposta” non potrebbe esistere.

 Written by Giuseppe Lorin

Info:

http://www.michelazanarella.it/

http://eshop.sangeledizioni.com/pages/detail_pro.php?idp=116

Booktrailer:

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=rOHAa9V26Hk&w=560&h=315]

[slideshow]

2 thoughts on “"Meditazioni al femminile" di Michela Zanarella – sinossi di Giuseppe Lorin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: