"Da che parte è la notte", un film di Stefano Arquilla, OteFilm

"Da che parte è la notte", un film di Stefano Arquilla, OteFilm

Gen 12, 2012

Da che parte è la notte” è un film di Stefano Arquilla prodotto da Giovanni Del Principe e Angelo Arquilla per la OteFilm. Interpreti Maxi Gigliucci, Daniela Martani, Massimiliano Buzzanca e Erika Kamese.

L’anteprima Nazionale è stata a Roma giovedì 15 dicembre 2011.

L’Action Movie “Da che parte è la notte” prende spunto da casi realmente accaduti in Italia sul fronte dei delitti contro il territorio per poter introdurre, attraverso il linguaggio cinematografico e delle immagini, un tema, come quello dell’ambiente, che tocca i settori più svariati, dai rifiuti alle energie rinnovabili, alle gestione delle risorse, come l’acqua e l’energia, alla mobilità sostenibile, fino alla salute degli animali.

Il film, della durata di 35 minuti, fa riferimento a delitti contro il territorio in particolare alla lotta clandestina tra animali.

Per la prima volta si affronta il tema delle scommesse clandestine sui cani con un action movie che prende spunto da una denuncia civile che dimostra come ognuno di noi può fare la propria parte contro la criminalità.

Il protagonista Angelo Prati, interpretato da Maxi Gigliucci, ispettore capo di Polizia, anche se “distaccato” dalle tematiche ambientali, si troverà a risolvere un caso riguardante un’organizzazione criminale che gestisce le lotte clandestine di cani sacrificati al combattimento.

Il protagonista Angelo, incarna la ”metamorfosi” di una persona come tante che viene a contatto con la quotidianità fatta di tanti piccoli eco-gesti di cui non ci si accorge. Angelo incontra due inseparabili amiche avvocati ambientaliste ed eco-educatrici e un amico di vecchia data che non riesce a sintonizzarsi con lui e la sua nuova realtà più rispettosa dell’ambiente. È questo il messaggio che il film vuole trasmettere.

È in questo percorso di consapevolezza dei crimini contro l’ambiente, infatti, che si incastonano le esperienze ”positive” per la raccolta differenziata, per la corretta gestione dello smaltimento delle lampade, per l’applicazione delle rinnovabili, per l’importanza verso l’acqua e l’energia in genere cioè verso una cultura “ambientalista” che può salvare il futuro della terra.

Migliaia di cani in Italia sono vittime dei combattimenti per le scommesse clandestine. Un crimine da 300 milioni di euro l’anno (fonte: Osservatorio Nazionale Zoomafia LAV).

Grazie alla Legge 189/2004, voluta dalla LAV (Lega Anti Vivisezione), i combattimenti tra animali sono espressamente vietati e puniti con la reclusione.

Il film è stato girato a Mandatoriccio, Pietrapaola e Cariati e al Castello Flotta, in provincia di Cosenza, grazie alla collaborazione e sensibilità dei cittadini locali e grazie al contributo della Lav, Conai (Consorzio nazionale imballaggi), Ecolamp (Consorzio per il Recupero e Smaltimento di Apparecchiature di Illuminazione), Federutility (Federazione delle Imprese Energetiche e Idriche), Coop e Snap Phone.

Ufficio Stampa:

Alessandra Lombardi email: alexlomb@gmail.com

 

One comment

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: