"Tron" di Steven Lisberger – recensione di Antonio Petti

"Tron" di Steven Lisberger – recensione di Antonio Petti

Set 21, 2011

Primo film sulla realtà virtuale e primo a utilizzare la computer graphic per alcune sequenze, datato 1982!

Tron, contrazione del termine elecTRONics, rappresenta una pietra del cinema sci-fi. Prodotto dalla Disney.

Scritto e diretto da Steven Lisberger, regista ricordato per questa pellicola e per qualche lavoro nel campo dei videogiochi. La storia segue le disavventure del programmatore di videogiochi Kevin Flynn (il grande Jeff Bridges), in continua lotta con la Encom, potente società informatica, e il suo direttore Ed Dillinger (David Warner), colpevole di essersi appropriato di programmi realizzati dal giovane Flynn.

Unico modo di provare tale truffa è procurarsi le prove. Ma sono contenute nel potente cervellone dell’azienda, il Master Control Program (MCP). Vero cane da guardia che gestisce anche il sistema anti-intrusione informatica, rendendo vani gli sforzi di Flynn.

Una sera, Kevin, con l’aiuto dell’amico Alan Bradley (Bruce Boxleitner) e la Dr. Lora Banes (Cindy Morgan), dipendenti della Encom insoddisfatti di Dillinger, riesce a penetrare nella sede. Durante l tentativo di forzare il sistema, MCP, tramite un occhio elettronico digitalizza Kevin e lo trasferisce all’interno del sistema. Qui Kevin scopre un mondo a se, dittatoriale, dove a regnare incontrastato è MCP.

Qui i vivono esseri virtuali, programmi costretti a ubbidire ai comandi di MCP. Ma i messi peggio sono i videogame, questi abitanti virtuali sono costretti a battersi senza sosta, giocandosi l’esistenza in base alle sfide lanciate dal gioco stesso, come le corse con moto virtuali (Light Cycle), pane quotidiano per gli abitanti di questo regno virtuale.

Ciò ha portato alla nascita di programmi ribelli che lottano per essere liberi dalla dittatura. Kevin, ormai alter-ego di se stesso, chiamato Clu, si alleerà con Tron (alter-ego dell’amico Alan) e Yori (alter-ego di Lora) e insieme cercheranno di far crollare la dittatura di MCP. Prima di essere eliminati da Sark, alter-ego di Dillinger!

Il film è innovativo (2 nomination agli Oscar) e non manca di divertire, sopratutto nelle sequenze dei duelli.

Le scene all’interno del computer furono girate in bianco e nero e successivamente colorate.

Vari camei di personaggi di videogames (Pac-Man) e della Disney (Topolino).

La colonna sonora fu affidata a Wendy Carlos (ex-Walter Carlos), autentica esperta di elettronica, nonché autrice delle colonne sonore di film come Arancia Meccanica (A Clockwork Orange, 1971) e Shining (The Shining, 19809), di quest’ultimo Kubrick utilizzò pochi brani della compositrice, preferendo ampliare la colonna sonora con molti altri compositori.

Del film è stato realizzato un seguito diretto da Joseph Kosinski, uscito a dicembre 2010, Tron Legacy, che ha visto il ritorno anche di Jeff Bridges nei panni di Kevin Flynn ma che ha per protagonista suo figlio Sam Flynn (Garrett Hedlund)!

 Meglio recuperare il cult Tron!

 Tron – Dvd – 20th anniversario – Distr. Buena Vista

Doppio Disco

Contenuti Extra: opzione solo colonna sonora, commenti tecnici, dietro le quinte (making of), scene inedite in lingua originale, storyboard, documentario, trailers.

 Edizione del 2004, sfortunatamente Fuori Catalogo!

 Buona caccia!

Video “Tron”:

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. “Tron” di Steven Lisberger – recensione di Antonio Petti | Age To Known - [...] Vai all’articolo di Oubliette Magazine: “Tron” di Steven Lisberger – recensione di Antonio Petti [...]
  2. “Tron” di Steven Lisberger – recensione di Antonio Petti | Age To Known - [...] all’articolo di Oubliette Magazine: “Tron” di Steven Lisberger – recensione di Antonio Petti Etichette: bruce boxleitner    che    cindy [...]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: