Una nuova scrittura. "Kim" di Kipling insegna ai giovani del XXI secolo.

L’ho trovato. Figlio della mia anima, dalle soglie della libertà ho strappato la mia anima, per scioglierti da ogni peccato…e sono libero e mondo di peccato. Giusta è la ruota,certa la nostra liberazione. Vieni !”.

L’anima e la libertà sono alcune delle parole che chiudono  uno dei tanti capolavori della letteratura  inglese di inizio XX secolo, e di quella mondiale. Molti sono stati gli scritti che hanno reso quel periodo storico e socio. economico uno dei periodi più affascinanti della storia umana . Un epoca di grande potere, gloria, ricchezza e benessere. Potremo dire l’antitesi di quello che sta accadendo oggi nel nostro pianeta.

The Golden Age “ la chiamarono il popolo britannico l’era del nostro racconto. La protagonista indiscussa era la Gran Bretagna e il suo vasto impero. Un dominio mondiale che non si vedeva dai tempi dell’impero Romano. Il potere britannico si estendeva dall’Africa alle Indie fino ad arrivare ai nuovi continenti, L’America e L’Oceania.

Una Londra invasa dal mondo e dalle culture del pianeta. Una città attraversata dal Tamigi e dal Fiume di molti autori che hanno fatto di questa città il patrimonio della cultura letteraria mondiale.

Tra questi Rudyard Kipling. L’autore nacque a Bombay e imparò dalla servitù a parlare L’hindi come prima lingua. All’età di sei anni venne mandato in Inghilterra insieme alla sorellina Alice, un esperienza traumatica che ritornerà nelle sue opere e nelle sue poesie.

Nel 1882 Raggiunse i genitori a Lahore, una città pakistana  situata sul fiume Ravi. Diventò giornalista per il “ Pioneer”.

Viaggiò molto, Africa, America, Canada e Europa, scrivendo racconti, romanzi e poesie. Ma fu l’India a esercitare un fascino duraturo su di lui. Da questo difficile rapporto di amore e odio nasceranno i suoi più celebri romanzi. “ I libri della Giungla “ e “ Kim “.

Kim “ pubblicato per la prima volta nel “ McClure’s  Magazine “ dal dicembre 1900 all’ottobre 1901 e successivamente  nel “ Cassell’s Magazine “ dal gennaio al novembre 1901. La storia scrive di una grande battaglia tra Russia e Gran Bretagna  nel cuore del continente asiatico. Il racconto scritto da Kipling ha ottenuto molto successo e consensi da critica e non, per la sua semplice descrizione di un paese, come l’India poco conosciuto al mondo e ai colonialisti inglesi.

La storia di “ Kim “ si intreccia con la cultura, le religioni, i popoli e le strade indiane. Roger Sale definisce il romanzo come una “ apoteosi  di culto dell’infanzia vittoriana “, invece nel 1959 Mcmillan defini “ Kim “ un racconto da dividere in tre parti. Un racconto di avventura, di tragedia e di esigenze mistiche.

Il protagonista è un vagabondo, orfano di padre e madre. Diventerà discepolo del lama, farà la questura , intrigherà e insulterà furbamente, sarà spia e messaggero di segreti militari per gli inglesi.

I grandi romanzi “BUR”  definisce Kim e la sua intelligenza sottile e variopinta. Nel 1998 “ The Modern Library “ ha inserito Kim al 78 posto nella sua lista dei 100 migliori libri scritti in lingua inglese del XX secolo.

Kipling ha scritto un romanzo, un racconto che parla di una India afflitta dal colonialismo e dalla povertà ma anche di un subcontinente che possiede oggi una spiritualità che può insegnare alla nuova generazione del XXI secolo  ancora molto. La scrittura è precisa, chiara, limpida e geniale. Parole che parlano e scrivono di un impero buono e cattivo, ma che ancora oggi rimane nei cuori di molti inglesi e nel cuore della storia dell’umanità.

e incrociò le mani in grembo e sorrise, come può sorridere chi ha conquistato a sé e al suo amato la salvezza “.

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Una nuova scrittura. “Kim” di Kipling insegna ai giovani del XXI secolo. | Age To Known - [...] all’articolo di Oubliette Magazine: Una nuova scrittura. “Kim” di Kipling insegna ai giovani del XXI secolo. Etichette: che    kim…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: