"Non credevo di trovarti su facebook" di Stefano Pietri recensione di Marzia Carocci

Recensione a  “Non credevo di trovarti su facebook”

Autore  Stefano Pietri                     Aletti Editore    euro 15,50

A cura di  Marzia Carocci  (critico recensionista letterario)

La scrittura di Stefano Pietri è senza dubbio “una ventata d’aria fresca” in campo letterario.

Semantica diretta, fluida, accattivante e particolareggiata, ogni sua pagina scritta, diventa immagine visiva, scena in movimento; le  sensazione di udire voci, di vedere espressioni, di immaginare gli atteggiamenti dei protagonisti, entrano subito in confidenza con il lettore che verrà coinvolto , incuriosito e testimone di una storia che nonostante sia di fantasia letteraria, può tranquillamente diventare realtà per molti.

Pietri dimostra un’acutezza e una perspicacia di osservazione fuori dal comune, egli infatti nella descrizione  del mondo di facebook coglie le realtà , l’emozionalità e le occasioni (negative-positive), che questo social network offre nella stimolazione psicologica dell’individuo di fronte ad un mondo virtuale che stimola e solletica la parte irrazionale e introspettiva umana.

Il personaggio principale è colui che vive il trasporto emozionale di un mondo che può offrire qualcosa di diverso, qualcosa che provoca il dualismo umano, quella parte di noi che spesso evita alcune azioni perché la cultura delle “regole”impone catene.

Egli non ha un nome, potrebbe essere ciascuno di noi ,un uomo che sceglie di ritrovare un’emozione mai dimenticata e forse enfatizzata nel tempo ,un individuo che a distanza di molti anni, decide di reperire  quella “prima fidanzatina” che gli aveva regalato palpitazioni e sogni ,una realtà vissuta nel tempo.

Rivivere le emozioni provate nel passato e proiettarle in un presente dove la maturità a volte è monotona o priva di aspettative, risentire quel batticuore mai dimenticato e gelosamente rinchiuso nei cassetti pieni della memoria, avvia il nostro personaggio alla ricerca di colei che le scaturì tutto questo.

Ciò, sarà per l’uomo un susseguirsi d’emozioni, di sensi di colpa verso la propria compagna, egli si sentirà desiderato, ammirato e dominatore, allo stesso tempo si odierà, per quel nuovo sentimento indefinito, quella bramosia difficile da domare,la possibilità di vivere due vite, due storie, quella dell’amore e quella dell’attrazione, quella della razionalità e quella dell’incoerenza.

Un libro che ci farà riflettere dove ci renderemo conto che la storia narrata non è solo frutto della fantasia di un ottimo e attento autore, ma potrebbe essere quell’ostacolo da saltare, quella difficoltà o dubbio di fronte a noi, fragili esseri umani deboli, in balia dell’emozione e degli eventi, protagonisti dalla voglia di evadere e di sognare  di essere attori  principali  della propria vita senza ostacoli o catene.

Un libro scritto con intelligenza ed  ironia; un viaggio nel mondo di facebook dove tutto è possibile, dove la virtualità può diventare realtà, dove solo la maturità dell’essere umano porta a scelte ragionate e alla conoscenza di “amici giusti”.

Un itinerario descritto con la maestria da Stefano Pietri , un autore che sa fare “vedere” fra le righe ciò che con la mente ha creato ; la descrizione di  una verità diventata uso e costume del nostro tempo, dove  vi sono spettatori seduti di fronte al pc, fredda macchina dalla quale a volte  riflettono emozioni lasciandoci attoniti  in cerca di risposta!.

Marzia Carocci

One comment

  1. Brava, Marzia.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. “Non credevo di trovarti su facebook” di Stefano Pietri recensione di Marzia Carocci | Age To Known - [...] all’articolo di Oubliette Magazine: “Non credevo di trovarti su facebook” di Stefano Pietri recensione di Marzia Carocci Etichette:…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: