Presentazione di "Le nebbie del passato" di Andrea Marchetti, 28 maggio 2011, Roma

Presentazione di "Le nebbie del passato" di Andrea Marchetti, 28 maggio 2011, Roma

Mag 27, 2011

Sabato 28 maggio 2011 alle 17,30 presso il Gran Caffè Quirino in Via Marco Minghelli 2- Roma sarà presentato il libro “Le nebbie del passato” di Andrea Marchetti

La vicenda si svolge tra le pietre di un paese antico, Montebello, un piccolo spazio fisico che, come i tanti piccoli paesi e borghi italiani somigliano al Paradiso Terrestre, collegato ai grandi centri e alla civiltà da un’unica strada provinciale.
L’apparenza di un mondo  tranquillo e la ritrovata vivacità di una comunità uscita distrutta dalla  guerra, come avvenuto per tutta l’Italia, viene però squarciata dalle  inquietudini del Maresciallo Leonardi, per un passato che non  comprende e che sempre con più forza ruberà la sua anima per tutta la vita.

Sente, infatti, che oltre a questa apparente serenità, le nebbie che calano spesso sul paese simboleggiano quelle di un passato ancora tutto da indagare ed esplorare.

Il rincorrersi delle giornate del Maresciallo Leonardi per fare luce sulle verità che la sua coscienza aspetta da tempo, scandiscono in un costante crescendo la sua ansia e la sua brama di arrivare alla conoscenza.

“Le Nebbie del Passato” sono un noir, che indaga attraverso il suo protagonista sul ‘senso del peccato’, quasi a dare un significato profondo al ‘senso della vita’, all’andare oltre le apparenza del quotidiano, per scardinare pregiudizi e arrivare a capire, attraverso l’introspezione, che in fondo, molto spesso, dietro le storie degli uomini si celano arcani misteri che nessuno ha il coraggio di sfidare.

Andrea Marchetti, nasce a Marino il 27 febbraio 1966. Attualmente vive e lavora a Grottaferrata.

La sua passione per la letteratura, in particolare per i gialli classici d’autore, Simenon in testa, lo hanno spinto a dare alle stampe la sua prima opera: “Le Nebbie del Passato”.

Diplomato al liceo scientifico, con qualche esame all’università di Lettere e Filosofia, Marchetti è un appassionato di storia, soprattutto del periodo che va tra le due Guerre Mondiali. Ama le poesie di Prevért, nel loro rincorrersi di luci ed ombre della quotidianità, di semplici frasi rubate dall’alfabeto di tutti, rese immortali perché folgoranti nel dare risalto alle contraddizioni del presente.

Adora viaggiare per i piccoli borghi del centro Italia, pieni di costumi e di usanze, che a detta dell’autore «stanno via via scomparendo, e con esse una parte importante della nostra storia nazionale, delle nostre tradizioni popolari».

Nadia Turriziani

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: