Nadia Turriziani vi presenta "Non c’è più Aldactazide" di Girolamo Minardi

Nadia Turriziani vi presenta "Non c’è più Aldactazide" di Girolamo Minardi

Mag 4, 2011

“Non c’è più Aldactazite”, ovvero, il senso della vita secondo Girolamo Minardi.

Un’opera prima densa di nostalgia per gli epici anni Sessanta, quando si sono vissuti “i nostri tempi migliori”, quando il sogno di una vita più giusta per tutti sembrava a portata di mano, sospinto com’era dall’entusiasmo dei giovani, dal rigore dei movimenti studenteschi.

Ora, tutto è cambiato, è il pensiero che affiora nell’amarezza e constata che “le rivoluzioni in tanti anni di storia, le solenni dichiarazioni dei diritti dell’uomo, non siano mai state considerate”.

“E’ l’indifferenza il peggiore dei nostri mali”. Lo dice Oscar Ianni, lucido protagonista della vicenda interiore raccontata da Minardi. Sì, perché questo romanzo è scritto col trasporto lirico di chi detta un testamento ideale, il pensiero di uno che è la somma del pensiero di una generazione, di un sogno collettivo.

Un viaggio in Sud America, lì dove oggi fiorisce quel sogno da noi vivo mezzo secolo fa. Sensazioni profonde in cui passione e storia si uniscono in un humus pregevole. “La razza umana è piena di passioni […] e ciò è un bene” dice Oscar Ianni.

Oscar viaggia, osserva, incontra e riflette. Un invito a uno splendido esercizio che leggendo si pratica senza noia.

Cosa dà più dignità alla vita? Aleggia il vecchio sogno: lo stato sociale. Da noi, invece, tra la gente comune, pur nello scintillio della società dei consumi, imperano solitudine, isolamento, povertà.

Giovani e vecchi abbandonati al proprio destino proprio come nella vicenda raccontata da Oscar e che dà spunto al titolo del romanzo: l’anziano vicino, che prende mezza compressa di aldactazite per lo scompenso cardiaco e che, d’un tratto, nell’incredulità, è cancellato dai farmaci prescrivibili. “Che significa? – chiede l’anziano al farmacista – che non possiamo più curarci?”.

Un dramma che è fiction solo perché è parte di un romanzo, ma che la dice lunga sull’urgenza di giustizia sociale. Così, Minardi accende gli animi e si fa apprezzare, scuotendo le coscienze e preparando il terreno per una battaglia non ancora vinta, quella che chiede a gran voce diritti negati.

Girolamo Minardi è nato a Bari 73 anni fa. Una laurea in Giurisprudenza, 45 anni di Sindacato. Dal 1977 tra i pensionati: Segretario Responsabile della Federazione della CISL di Bari, poi di Puglia e dal 2005 Segretario Nazionale.
Ha rinunciato alla carica nell’ottobre dello scorso anno.

La presentazione ufficiale avverrà oggi, mercoledì 4 maggio, dalle 17,30 alle 19,30 preso l’UNISO – Spazio Polifunzionale InCampus.Auditorium  Mezzocannone, 14 (ex mensa universitaria) a Napoli.

All’incontro saranno presenti l’autore Girolamo Minardi e l’Editore Domenico Di Marsico.

Relatrice: Carmela Piccolo, Segretaria e Tesoriere di ANTEAS – Regione Puglia

Moderatrice: Lidia Ianuario, giornalista nonché presidente del Comitato Organizzatore VOLLA MUSIC FESTIVAL
Nadia Turriziani

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Nadia Turriziani vi presenta “Non c’è più Aldactazide” di Girolamo Minardi - oubliettemagazine - Webpedia - [...] “Non c’è più Aldactazite”, ovvero, il senso della vita secondo Girolamo Minardi. Un’opera prima densa di nostalgia per gli…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: