"Annadelmare del sì" di Annamaria Vezio

"Annadelmare del sì" di Annamaria Vezio

Feb 24, 2011

Leggere Annamaria Vezio è un viaggio nell’anima, dove spesso vi sono sentieri e labirinti oscuri dell’identità umana a volte recisa, stuprata; è un canto sofferto d’amore dove il pianto ne è sovrano, è un urlo muto, ingoiato, ignorato.

La protagonista vive in simbiosi con l’altra “sé , una bambola indifesa, inerme e tacita, una bambola alla quale hanno preso l’anima e che attende.

Ed è proprio un viaggio interiore d’una crescita esistenziale, la ricerca dell’essenza vitale per sopravvivere che Annadelmare intraprende, fino ad accorgersi che l’Amore può nascere anche dalla sofferenza, l’Amore nel significato più globale del termine ,l’Amore Universale, la linfa dove attingere per sentirsi viva, è così che da un baratro buio e profondo si creano intorno a lei colori e musica, poesia e gioia.

Annadelmare  fa tesoro di ciò che ha subito, del dolore che l’ha schiacciata, né fa energia pura; ha finalmente compreso che l’amore per il gusto d’amare qualsiasi cosa o persona è la soluzione del proprio “viaggio”, del nostro viaggio, con questa certezza Annadelmare riunisce alla propria anima l’altra “sé”, riprendendo un cammino interrotto, un cammino verso la luce.

In questo meraviglioso canto, rigo dopo rigo, si fanno largo le speranze, i sogni, la forza e la voglia d’esserci nonostante l’amore negato, la libertà rubata, i sentimenti calpestati e derisi, l’umiliazione di donna in ogni suo eccesso, sia fisico che morale.

Passo dopo passo il personaggio sale a fatica sulla vetta ostile che spesso è la vita, sale comunque, nonostante tutto, fino a conquistarsi la cima per inebriarsi in un volo libero, cercato, partorito e sofferto, va ogni limite, al di là del male, dell’egoismo, della meschinità.

Un volo d’anima pura, su ali d’Angelo; il lettore l’amerà e vorrà proteggerla fin dall’inizio e l’accompagnerà per mano oltre le nuvole, dove ogni essere ha diritto al rispetto, alla libertà, all’amore e soprattutto, all’incondizionato diritto alla vita.

In un linguaggio fatto canto di poesia, le parole escono come musica ed ogni passaggio è un dipinto d’autore.

Questo meraviglioso libro è un regalo alle donne e non solo, un dono per ogni essere che si appigli alla speranza e che riesca a trovare la forza di farcela anche quando non sembra venire più il giorno, quando è freddo il cuore e il fiato sembra non uscire più dal petto.

Un libro che è ricerca nell’amore assoluto, un testo di speranza dove comprendiamo che anche nel più torbido e putrido dei terreni, può sbocciare uno splendido fiore.

Written by Carocci Marzia

One comment

  1. Bellissima recensione. Fa desiderare di leggere il libro. Complime, a Marzia Carocci e all’autrice.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: